menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I due ragazzi arrestati

I due ragazzi arrestati

Arresto skaters, provocazione Pd Contest "New Jersey" a Futura

Alla festa del partito una pista con esplicito richiamo alla vicenda dei ragazzi fermati mentre spostavano degli spartitraffico. Ruzzante:"La repressione non basta". Intanto in rete scatta iniziativa in loro sostegno

"Non spetta a noi assolvere o condannare questi ragazzi, ma la repressione non basta, bisogna creare le condizioni perchè i ragazzi non ricorrano all'illegalità". Con queste parole l'esponente padovano del Pd Piero Ruzzante spiega la decisione di ospitare per 17 giorni a "Futura", la festa del partito democratico allestita al Velodromo Monti in Prato della Valle, una pista di skateboard con tanto di contest - conclusosi domenica sera - dall'eloquente nome "New Jersey", esplicito richiamo alla vicenda dei due giovani skaters padovani arrestati dai carabinieri la notte del 30 agosto scorso perchè sorpresi a spostare dalla Cittadella, in zona Stanga, uno spartitraffico del tipo appunto "New Jersey" allo scopo di utilizzarlo per le loro evoluzioni.

IL FATTO: Sorpresi a rubare spartitraffico, arrestato e notte in cella in attesa del processo

pista contest new jersey-2LA PROVOCAZIONE. "Contestiamo l'atto di illegalità - spiega ancora Ruzzante in merito all'iniziativa del Pd - ma siamo orgogliosi e contenti di aver ospitato la pista all'interno della festa. Molti padovani praticano questo sport con passione e purtroppo, nonostante gli impegni presi proprio in questi giorni dagli assesssori Micalizzi e zampieri, in città non esiste ancora uno spazio a loro dedicato. La nostra è stata una provocazione". Sono state eccessive le misure adottate nei confronti dei due ragazzi arrestati? Ruzzante risponde: " Eccessivo è pensare che possano bastare misure repressive".

CAMPAGNA DI SOLIDARIETÀ ONLINE. Intanto in rete, l'associazione di skater Beicontroi, della quale fanno parte i padovani arrestati, lancia una campagna in loro sostegno dalla propria pagina Facebook: "La notte del 30 agosto 2013 - scrivono i promotori - due membri attivi della crew padovana di skater Beicontroi, sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato per aver tentato di spostare un new jersey con l’intenzione di allestire una pista da skate. Scortati in caserma dai carabinieri, i due hanno atteso in celle separate il processo per direttissima del mattino seguente, che ha dato come unico esito il rinvio a giudizio previsto per il 18 ottobre. Fino a tale data Beicontroi promuoverà una serie di progetti volti a sostenere economicamente i ragazzi, nel caso di una mancata assoluzione. Per chi volesse supportare la causa- concludono - sarà presto disponibile un’edizione limitata di t-shirt Freebeicontroi ordinabili sulla pagina Facebook della crew".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento