Blocco del traffico, Ascom Padova furiosa: «Danno enorme per 3.000 negozi»

Il presidente Patrizio Bertin critica la decisione di vietare la circolazione ai Diesel Euro 4 durante il ponte dell'Immacolata dovuta agli elevati livelli di concentrazione di Pm10 misurati da Arpav

«Un danno enorme per il commercio cittadino». Se ai padovani l'inasprimento del blocco del traffico è andato di traverso, altrettanto si può dire per Patrizio Bertin. Se non peggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Danno per 3.000 negozi»

Il presidente di Ascom Confcommercio, infatti, appare seriamente preoccupato nel commentare le nuove disposizioni temporanee: «L’ambiente è importante, ma cerchiamo anche di non farci del male. Il blocco dei mezzi privati fino agli Euro 4 nel giorno dell’Immacolata è un danno enorme per il commercio cittadino, e a questo punto, anche se mi auguro che vento e pioggia possano far cambiare idea all’amministrazione, direi che il danno è fatto». Bertin parla quindi di "Padova città respingente": «Questo è quanto viene percepito all’esterno, e come per la Ztl, di fronte all’incertezza, il consumatore che viene da fuori, rinuncia. E una rinuncia generalizzata causa chiusura totale all’8 dicembre non è proprio il massimo per una città che ha 3.000 negozi che guardano alle festività come l’occasione decisiva per far tornare i conti in positivo. A una settimana dall’apertura del parcheggio Prandina, che ha riscosso fin da subito il gradimento generale, si impedisce a chi non può permettersi in quattro e quattr’otto di acquistare una vettura ibrida di accedere al centro cittadino. Un assist formidabile per i centri commerciali della cintura e più ancora per l’e-commerce». Conclude Bertin: «Quando vedo l’accanimento nei confronti degli automobilisti mi chiedo se il nemico siano le auto dal momento che non riscontro altrettanta severità nei confronti di certi autobus obsoleti che emettono non so quanta anidride ma che continuano a girare e nemmeno nei confronti di certi impianti di riscaldamento a gasolio che rimangono pur sempre i maggiori artefici dell’inquinamento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento