menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alpinisti in difficoltà salvati nella nebbia dopo un'intera giornata di ricerche

Il gruppo composto anche da un Padovano è andato in difficoltà lungo una parete impervia: le squadre hanno lavorato diverse ore per recuperarli e riportarli a valle

Si è concluso poco prima delle 22 di domenica un difficile intervento che ha coinvolto in totale 18 tecnici del soccorso alpino di Schio impegnati dalla marttina sul Monte Cornetto, nel recupero di tre alpinisti bloccati in un canale infossatov tra guglie e creste. Scattato l'allarme verso le 11.20, dalle informazioni ricevute e dalle coordinate Gps della posizione, i soccorritori hanno capito che i tre - un quarantanovenne di Gazzo e due trentatreeenni, uomo e donna, entrambi di Torre Belvicino (Vicenza) - si dovevano trovare nella stessa zona dove ieri è avvenuto l'incidente che ha causato la morte del ventinovenne roveretano.

Il salvataggio

Saliti dal Vaio Trenche e arrivati a Forcella dell'Emmele, i tre avevano poi cercato di scendere per uno dei canali sottistanti, finendo però incrodati, incapaci di muoversi. Una squadra di 5 tecnici ha iniziato a risalire il versante, attraversato da numerosi canalini, senza riuscire a individuare in quale si trovassero, anche a causa della presenza di nebbia. I soccorritori si sono portati in alto, scalando su misto in un ambiente impegnativo, anche per le continue scariche di neve e sassi, causate dalle alte temperature. È stato quindi richiesto il supporto di un'altra squadra, che si è mossa nella parte sinistra del canale, finché entrambe non sono arrivate a una parte inaccessibile della parete. Altri soccorritori sono quindi partiti, dividendosi per percorrere i diversi canalini rimasti da perlustrare. Ed è stato così che, in due, sono riusciti a individuare e raggiungere gli alpinisti. Una volta capito il percorso, gli altri sono stati fatti convergere in quella direzione e durante la salita hanno attrezzato già le diverse soste per le sei calate da sessanta metri che avrebbero affrontato in discesa. Assicurati, gli alpinisti sono stati portati in fondo allo stretto e ripido canalino, dove hanno trovato l'ultima squadra che aveva predisposto il tratto finale della discesa per arrivare alla Strada del Re e alle macchine. Avvertiamo che le condizioni particolari di questi giorni con temperature alte, scariche di neve e sassi, terreno instabile e non proteggibile, rendono impraticabili in sicurezza queste zone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento