Società d'aste dei tribunali, debiti per milioni di euro: ne chiede il fallimento commercialista padovano

La Save srl dichiarata fallita il 13 luglio scorso dal tribunale di Verona. Il buco lasciato è ingente: nell’ultimo bilancio 2018 depositato, i debiti sono pari a 3 milioni e 900 mila euro, quelli dell’anno precedente erano 2milioni e 900mila

Save srl è una società privata, fondata a Padova in via Cesare Battisti, oggi ha sede a Verona in via Chioda e vinse una gara d’appalto per la gestione dell’Istituto Vendite Giudiziarie per i tribunali di Padova, Rovigo e Verona circa una decina di anni fa. I tre tribunali si affidano alla Save Srl per mettere all’asta i beni di fallimenti, case, espropri, oggetti confiscati. La Save srl incassa il denaro per conto dei curatori fallimentari o dello stesso tribunale, tiene una percentuale e cede la liquidità a chi ne ha diritto. Come racconta il Corriere del Veneto, a costringerla a portare i libri in tribunale è stato un curatore fallimentare di Padova, Michele Antonucci, che gestisce tra gli altri il fallimento di Interiorplus srl, società di arredamenti. Erano stati messi in vendita beni per 200mila euro, mai incassati. 

Buco

Il buco supera i 4 milioni di euro, a lasciarlo la società privata che lavorava per il ministero della Giustizia gestendo aste e vendite per i tribunali di Verona, Padova e Rovigo. Perdite che si presentano già dal 2017, la Corte d’Appello di Venezia che aveva il compito di controllare la società non è intervenuta per arginare la situazione. A chiedere il fallimento, quindi, è stato un curatore padovano che dalla società avrebbe dovuto ricevere 200mila euro. Il ministero della Giustizia già nel maggio del 2019 aveva richiamato la Corte d’Appello a controllare date le continue insolvenze.

Fallimento

La Save srl è stata dichiarata fallita il 13 luglio scorso dal tribunale di Verona. Il buco lasciato da Save srl è ingente: nell’ultimo bilancio 2018 depositato, i debiti sono pari a 3 milioni e 900 mila euro, quelli dell’anno precedente erano 2milioni e 900mila. Sempre nel 2018 i debiti verso i fallimenti di Verona, Padova e Rovigo erano di 1.700.542 euro. I bene informati dicono che il debito lasciato nel 2019 confermi il trend degli anni precedenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • Il miglior panettone del mondo si trova alla pasticceria Estense: Francesco Luni vince l’oro assoluto

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

  • Crisanti lascia Padova e va allo Spallanzani

  • BEƎ: sui colli Euganei una struttura mobile per vivere esperienze uniche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento