Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Spaccate nei bar del centro: colpiva i locali per comprarsi la droga, arrestato

La questura ha dato un nome all'autore di almeno due furti e indaga per collegarlo a molti altri avvenuti negli ultimi mesi. Sfondava le vetrine sotto effetto di stupefacenti

C'è un fermato per alcune delle spaccate in centro avvenute tra i mesi di luglio e agosto ai danni di una serie di esercizi commerciali, che hanno gettato nel panico i commercianti. Al momento sono due i colpi che gli vengono contestati, ma le indagini proseguono per capire se l'uomo sia responsabile di altri episodi.

Il colpevole

Dopo indagini serrate la polizia ha identificato il malvivente grazie all’attività congiunta della squadra mobile, delle volanti e della polizia scientifica della questura. Il responsabile è un uomo senegalese di 42 anni: irregolare e con una lunga sfilza di precedenti, è anche un noto tossicodipendente e avrebbe compiuto i furti per procurarsi il denaro con cui acquistare il crack e altre droghe. Due i furti che lo incastrano, avvenuti la notte del 23 agosto in due punti vendita de L'Antico Forno in via Carlo Cassan e in via San Clemente.

WhatsApp Image 2018-09-05 at 11.48.09-2

Prove inconfutabili

Lo hanno incastrato le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza pubbliche e private, oltre alle tracce di sangue che l'uomo ha disseminato sulle scene del crimine e alle impronte di scarpe. Alto e corpulento, il senegalese faceva forza sul suo metro e novanta di altezza per sfondare a spallate le vetrine dei negozi, sempre setto l'effetto di sostanze stupefacenti.

Indagini a ritmo serrato

A complicare le indagini è stata la mancanza di un modus operandi stabile: le precarie condizioni dell'uomo lo portavano a colpire a casaccio e identificarlo non è stato semplice. Unici elementi ricorrenti sono stati i danni alle strutture, evidentemente provocate da una persona senza esperienza nel mondo dei furti, e le immagini che ritraevano un individuo dalla corporatura non comune. Non un ladro professionista ma un balordo dunque. Le indagini proseguono a ritmo serrato per verificare se il 42enne si colpevole anche di numerose altre spaccate avvenute con modalità simili, come quelle in galleria Borromeo e al Caffè Pedrocchi.

Gli altri sospettati

L'arresto del senegalese scagiona almeno in parte il 34enne bergamasco fermato proprio in galleria Borromeo a fine agosto. Il suo atteggiamento sospetto lo aveva portato in questura e riconosciuto colpevole di due furti alla facoltà di Ingegneria e all'istituto Einaudi, dove ha divelto i distributori automatici. Per lui è scattato il foglio di via per 3 anni, ma a quanto pare non è il misterioso ladro del centro. Nessuna correlazione sembra esserci anche con le due spaccate di stanotte e con i furti nei negozi di lusso risalenti a maggio, che sarebbero invece opera di bande altamente specializzate. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccate nei bar del centro: colpiva i locali per comprarsi la droga, arrestato

PadovaOggi è in caricamento