Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Cave / Via Ulisse Dini

Finge di avviare un'attività commerciale in casa: in realtà si dedica allo spaccio

Gli agenti della Squadra mobile quando hanno saputo che l'uomo aveva dichiarato al Comune l'inizio dell'attività di vendita si sono insospettiti e hanno indagato

Avvia un’attività di vendita dentro casa, lo dichiara al Comune, compila tutte le pratiche. Peccato che quei permessi nascondessero lo spaccio di droga: conoscendo il soggetto, i poliziotti hanno indagato scoprendo l’inganno.

L’arresto

Mercoledì 14 luglio i poliziotti della Squadra mobile hanno arrestato per spaccio un 32enne nigeriano pregiudicato. L’uomo, che convive con una 27enne agli arresti domiciliari per reati analoghi, ha dichiarato al Comune di aver avviato presso la sua abitazione in via Dini un’attività commerciale di vendita di prodotti non alimentari. I poliziotti, conoscendo i soggetti, hanno indagato per capire se quel commercio fosse legale o meno. E infatti non lo era. Quando sono entrati per la perquisizione la donna ha cercato di gettar via un sacchetto con 12 involucri di eroina; gli agenti hanno trovato altri involucri di eroina e cocaina sparsi per la casa. L’uomo è stato arrestato e portato in carcere, mentre la donna è stata denunciata per concorso in detenzione di sostanza stupefacente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finge di avviare un'attività commerciale in casa: in realtà si dedica allo spaccio

PadovaOggi è in caricamento