menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I controlli sul cavalcavia Borgomagno

I controlli sul cavalcavia Borgomagno

Droga, spaccio sul Borgomagno Cavalcavia chiuso al traffico

Operatori della polizia municipale e della Guardia di Finanza lunedì sera hanno bloccato temporaneamente il traffico nella zona durante un controllo che ha portato al ritrovamento di 14 dosi di marijuana

4 cittadini nigeriani privi di permessi di soggiorno deferiti all'autorità giudiziaria per violazione della normativa sull'immigrazione, e 14 dosi di marijuana per 18,8 grammi complessivi ritrovati: è questo il bilancio dell'operazione congiunta di polizia municipale e Guardia di Finanza che lunedì sera si è concentrata nella zona del cavalcavia Borgomagno, che dal centro conduce al quartiere padovano dell'Arcella. Il ponte è stato temporaneamente chiuso al traffico per evitare situazioni pericolose per la circolazione stradale. 6 in tutto le persone identificate, per una di queste è scattata anche la segnalazione al Prefetto per possesso di sostanza stupefacente ad uso personale.

L'OPERAZIONE. All'arrivo della polizia le persone sospette che stazionavano a ridosso dell'ex Hotel Abritto sono scappate verso vicolo Tiziano Aspetti e via Avanzo abbandonando una decina di biciclette. La zona però era stata preventivamente circondata dalla squadra Emergenze sociali, dai motociclisti della polizia e dalle unità della Finanza che hanno subito intercettato i fuggitivi per poterli fermare e identificare. In contemporanea la zona è stata passata al setaccio dalle unità cinofile permettendo il ritrovamento dello stupefacente successivamente sequestrato. Le verifiche nella zona sono proseguite fino alle 23.30 con controlli da parte di pattuglie miste in via Tiziano Aspetti e via Annibale Da Bassano.

BORGOMAGNO SORVEGLIATO SPECIALE. "Quella di ieri sera è la prima delle tante azioni che metteremo in campo nella zona del cavalcavia Borgomagno dove i residenti ci segnalano la presenza di spacciatori" ha commentato il sindaco reggente Ivo Rossi. "L'area a ridosso dell'ex Hotel Abritto - ha evidenziato il comandante della polizia municipale Lorenzo Panizzolo - è abituale luogo di ritrovo di numerose persone provenienti dal nord Africa e dalla Nigeria e il sospetto che sia luogo di smercio di sostanze stupefacenti è molto forte, così nell'ambito dei controlli che si stanno intensificando in tutto il territorio comunale, quest'area è stata messa sotto la lente di ingrandimento delle forze di polizia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento