menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio nel "triangolo della Stazione": in via Bixio, Cairoli e piazza De Gasperi 3 arresti

La polizia locale di Padova ha stretto le manette ai polsi a tre pusher nigeriani. Eroina e cocaina lo stupefacente venduto nella zona particolarmente gettonata per lo smercio di droga

Via Bixio, Cairoli e piazza De Gasperi, nel triangolo compreso in quest'area in zona Stazione a Padova la polizia locale ha arrestato nelle ultime ore tre spacciatori nigeriani.

VIA BIXIO. Il primo, E.K., 25enne nigeriano in Italia regolarmente anche se di fatto senza fissa dimora, è stato fermato dopo aver venduto una dose di eroina a un cittadino italiano in via Bixio. Processato per direttissima, è stato condannato a 8 mesi di reclusione e 800 euro di multa (pena sospesa) e disposto il divieto di dimora nella provincia di Padova.

PIAZZA DE GASPERI. L’altro nigeriano, E.P., 32enne clandestino e senza fissa dimora, è stato fermato in piazza De Gasperi mentre vendeva ad un italiano due dosi di cocaina. Dopo averlo perquisito, gli agenti hanno trovato nelle tasche della marijuana e 70 euro in banconote. E’ stata disposta anche la perquisizione dell’alloggio dove risiede e nel quale è stata rinvenuta altra marijuana e altro denaro. Giudicato con rito direttissimo, sono stati disposti i termini a difesa e rinviato il giudizio ad ulteriore udienza. E’ stato comunque disposto il divieto di dimora nel territorio della Regione.

VIA CAIROLI. L’ultimo arresto, effettuato dagli agenti del nucleo Antidroga, è avvenuto in via Cairoli dove è stato fermato I.B.A., 27enne nigeriano clandestino e senza fissa dimora, persona già nota per un precedente arresto per spaccio di droga nel settembre 2015 ed una denuncia a piede libero per il medesimo reato effettuata lo scorso 12 maggio sempre dagli stessi agenti. Il nigeriano aveva appena venduto una dose di cocaina ad un uomo in sedia a rotelle. E’ stato fotosegnalato e gli sono stati sequestrati 210 euro e due telefoni cellulari. Anche per questo spacciatore sono stati disposti i termini a difesa rinviando il giudizio ad un’udienza successiva. Le persone che hanno acquistato le sostanze stupefacenti sono state tutte fermate e denunciate per possesso di sostanze stupefacenti per uso personale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento