menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riparte S.pa.da. la scuola padovana di alta formazione di Confapi

Venerdì 24 marzo, a Monteortone, scatta il sesto Master organizzato dall'associazione delle piccole e medie industrie e destinato a imprenditori, manager e vertici aziendali

Venerdì 24 marzo, a Monteortone, scatta il sesto Master organizzato dall’associazione delle piccole e medie industrie e destinato a imprenditori, manager e vertici aziendali. Boom di adesioni. Il direttore Davide D’Onofrio: "Vogliamo portare le competenze manageriali all’interno delle pmi".

LA SCUOLA. Sono in 30 fra imprenditori e manager, hanno un’età media di 36 anni, il 40% di loro sono donne, un terzo viene da Padova città. È la fotografia dei partecipanti a S.PA.D.A., la Scuola padovana di direzione aziendale di Confapi Padova, che si appresta a ripartire. La prima lezione è in programma venerdì 24 marzo, con appuntamento alle 9 al Convento degli Eremitani di Sant’Agostino della Beata Vergine Maria, a Monteortone (Abano Terme), sede di tutte le lezioni, in programma ogni venerdì e sabato sino al 22 aprile.

MASTER. "È il sesto Master della Scuola, che abbiamo avviato nel 2016 con un triplice obiettivo: portare le competenze e la cultura manageriale all’interno delle piccole e medie imprese; coinvolgere gli imprenditori, e quindi non solo i più giovani, in un percorso di formazione; fare di S.PA.D.A. un vero e proprio cuore radiante di cultura d’impresa» afferma il direttore di Confapi Padova Davide D’Onofrio. «Chi partecipa lo fa per accrescere la propria competitività aziendale sul mercato, impadronirsi degli strumenti necessari per la crescita personale, strutturare una visione strategica del mondo del lavoro e puntare a una crescita sostenibile dell’azienda. Il tutto attraverso un percorso di 48 ore in general management, interamente finanziato dal Fondo Sociale Europeo».

Nel programma affrontato ci sono: modelli strategici per la competizione delle pmi; fondamenti di leadership; marketing strategico: dall’analisi del posizionamento alla definizione del potenziale di crescita; sales management: organizzazione e gestione della rete vendita in Italia e all’estero; HR management: organizzazione e gestione delle risorse umane nella Pmi; controllo di gestione e misurazione delle performance, e business digitale: dalla brand reputation al social media management.

L’avvio vero e proprio è stato anticipato dalla visita aziendale alla Loccioni S.p.A. di Angeli di Rosora (Ancona), dello scorso fine settimana. Costruttore d’impianti leader mondiale nel campo della misura, il gruppo Loccioni si distingue per la lungimiranza delle proprie azioni strategiche che permettono di definire l’impresa marchigiana come una sorta di “sartoria tecnologica”: dall’impegno sociale alla valorizzazione del capitale umano, l’azienda è stata presa ad esempio perché dimostra quotidianamente che la sostenibilità non è solo un valore ma, anche e soprattutto, un efficiente modello di business.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento