Cronaca Trebaseleghe

Sparano a salve per divertirsi vicino a un cantiere: nei guai due fratelli e un loro cugino

Non era intimidazione ma una bravata. I colpi sparati a salve vicino a un cantiere sono opera di tre persone che poi hanno spedito l'arma giocattolo in Albania

Sparano a salve per gioco. Quella che si temeva fosse una minaccia, in realtà era una bravata.

La vicenda

Martedì 14 settembre i carabinieri del Norm della compagnia di Cittadella hanno eseguito una perquisizione domiciliare, richiesta alla Procura, nei confronti di due fratelli albanesi di 44 e 21 anni e di un loro cugino di 19 anni. I tre sono risultati essere gli autori dell’esplosione di tre colpi a salve nel primo pomeriggio dello scorso 31 maggio, vicino al cantiere dell’impresa Grandi opere costruzioni Generali a Trebaseleghe, mentre passavano in auto. Sul posto erano stati trovati tre bossoli a salve e una cartuccia calibro 8 inesplosa. I carabinieri hanno scoperto che i tre avevano comprato l’arma giocattolo online e avevano sparato giusto per divertirsi, non per intimidire qualcuno. Poi avevano spedito la pistola a salve in Albania.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparano a salve per divertirsi vicino a un cantiere: nei guai due fratelli e un loro cugino

PadovaOggi è in caricamento