Godiamoci l'estate senza spreco d'acqua: i consigli di Etra

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

È importante assumere comportamenti responsabili verso l'acqua potabile: non sprecarla significa avere rispetto della natura e della comunità.

Calura crescente e solleone sono arrivati sul territorio e non fanno che accrescere il desiderio di un bel bicchiere d'acqua fresca o di una doccia rigenerante. Ma l'acqua deve bastare a tutti, per bere (sono consigliati circa 2 litri al giorno), per cucinare e mangiare, per lavarsi: l'acqua, specialmente d'estate, va trattata con responsabilità.
Per questo gli utenti del bacino servito da Etra sono invitati a un uso "corretto e razionale" della risorsa, almeno fino all'intero mese di agosto. L'esclusivo uso igienico-alimentare dell'acqua potabile erogata da Etra contribuirà significativamente ad evitare una riduzione di portata delle fonti di approvvigionamento idrico.

"Questa è un'importante campagna di sensibilizzazione - spiega Andrea Levorato, presidente del consiglio di gestione di Etra - perchè un aumento incontrollato dei consumi d'acqua rischia di incidere sul livello delle falde acquifere, che invece vanno preservate con cura. Promuovere un uso corretto della risorsa acqua è un dovere in ogni periodo dell'anno, ma specialmente d'estate, quando, per il gran caldo, ci si potrebbe dimenticare che dobbiamo fare massima attenzione a usare l'acqua potabile solo ed esclusivamente per scopi igienici e alimentari".

A tutti gli utenti si chiede quindi, ad esempio, di non innaffiare i giardini o lavare l'auto con l'acqua di rubinetto.

"Evitare gli sprechi - continua Levorato - è uno dei cardini delle attività di Etra, che nel corso del 2015 ha costruito cinquantasei chilometri di nuove condotte, ne ha sostituiti ventisei chilometri e ha intensificato la ricerca perdite con grande successo: negli ultimi tre anni sono stati recuperati ben due milioni di metri cubi d'acqua".

Cosa possono fare i cittadini? Ecco alcune regole per un uso intelligente della risorsa acqua:

  • chiudere le fontane, in particolare quelle a getto continuo ancora attive in molte case, o installare un rubinetto;
  • assicurarsi che i rubinetti di casa siano sempre ben chiusi e che non gocciolino: ciò permette di evitare anche brutte sorprese in bolletta;
  • non far scorrere l'acqua inutilmente (quando ci si insapona o si lavano i piatti);
  • preferire la doccia al bagno in vasca;
  • scegliere, per gli elettrodomestici, programmi a risparmio d'acqua e metterli in funzione solo a pieno carico;
  • evitare di usare l'acqua potabile per innaffiare orti e giardini oppure per lavare le autovetture o le aree scoperte di casa.
Torna su
PadovaOggi è in caricamento