Cronaca

Spritz e cocktail senza plastica. I Navigli all'insegna del “no more plastic”

«Per noi c'è un costo maggiore ma siamo già in ritardo per fare qualcosa che incida veramente contro l'abuso della plastica e non possiamo più far finta di niente» dichiara Federico Contin, patron della Manifestazione

L'edizione 2019 dei Navigli sarà all'insegna del “no more plastic”. Gli organizzatori della kermesse sul lungargine Piovego hanno deciso di eliminare le cannucce e usare tutti bicchieri biodegradabili (parliamo di una manifestazione in grado di attirare più di 300mila persone in 3 mesi).

Numeri

Saranno quindi almeno 600.000 le cannucce risparmiate e circa 400.000 i bicchieri di plastica inquinanti in meno. «Per noi c'è un costo maggiore ma siamo già in ritardo per fare qualcosa che incida veramente contro l'abuso della plastica e non possiamo più far finta di niente» dichiara Federico Contin, ideatore e gestore dei Navigli da 13 anni.

Capodoglio

La decisione di Contin e dei suoi soci ai Navigli arriva anche alla luce dell'episodio che ha visto coinvolto il capodoglio spiaggiato sulle coste della Sardegna, ucciso da ben 22 chili di plastica e attualmente sotto osservazione nella scuola di veterinaria ad Agripolis. Immagini che hanno toccato la coscienza di tutti, provocando un effetto domino tra i maggiori utilizzatori di plastica. Tra loro anche i baristi dei Navigli, che hanno deciso di arrestare per quanto possibile la commercializzazione di tanti prodotti di plastica utilizzati nei loro chioschi. D'altronde lo spritz si può bere anche senza la cannuccia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spritz e cocktail senza plastica. I Navigli all'insegna del “no more plastic”

PadovaOggi è in caricamento