menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Questione stadio, Bonavina: "Verificheremo le permute e gli espropri sul Plebiscito"

Il sindaco Sergio Giordani: "L'Euganeo si può sistemare con l'apporto dei privati. Le criticità riguardanti l'appalto del Colbachini ci impediscono di far partire i cantieri all'Euganeo"

Martedì mattina il sindaco Sergio Giordani e l’assessore allo sport Diego Bonavina incontreranno a Palazzo Moroni i rappresentati del comitato “Si allo stadio Plebiscito”. Come riportano i quotidiani locali, tifosi e rappresentati della Fattori saranno al centro della riunione che ha come tema gli spazi dello stadio del rugby e il futuro dell’Euganeo.

RESTYLING DELL’EUGANEO.

Il Sindaco ha spiegato cosa intenda fare dell’impianto di viale Nereo Rocco: “Ho sempre pensato che si possa migliorare la situazione dell'Euganeo anche in modo significativo rispetto alle note criticità che presenta, ma si può fare con l'apporto dei privati e il dialogo con il Calcio Padova. Attualmente, le criticità riguardanti l'appalto del Colbachini, ereditate dalla precedente amministrazione, ci impediscono di far partire i cantieri all'Euganeo. Stiamo lavorando, ma questo non consente ragionamenti immediati sullo stadio di viale Nereo Rocco. Per una città che ospita un meeting di atletica importante è fondamentale un impianto come l’Euganeo. Già da domenica prossima per la gara col Fano la linea 11 farà una deviazione da via Montà a viale Nereo Rocco. Inoltre posizioneremo rastrelliere per le biciclette. Interverremo pure sui servizi igienici, che sono in condizioni indecorose e con i lavori di pulizia ed impermeabilizzazione della curva sud”.

VERIFICHE SU ESPROPRI E PERMUTE.

Diversa la questione che riguarda il Plebiscito. L’assessore allo sport Diego Bonavina ha spiegato che sono in corso le verifiche sugli espropri e sulle permute compiute durante l’amministrazione Bitonci  sulle aree individuate per la realizzazione dei parcheggi. “Non vorrei dovermi trovare davanti a un possibile danno erariale- ha detto Bonavina- faremo le verifiche del caso su espropri e permute compiute dalla passata amministrazione che a noi risultano avvenute a cifre superiori rispetto al loro valore reale. Probabilmente per chiudere in fretta la trattativa e realizzare i parcheggi utili al nuovo stadio sono stati portati avanti espropri a prezzi superiori a quelli del mercato, mentre per ciò che riguarda le permute stiamo verificando se le aree concesse ai privati siano equivalenti a quelle ottenute dal comune. Dopo la richiesta di approfondimenti da parte dell'Anac non vorrei trovarmi davanti a un'ulteriore mazzata”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento