"La mia pistola ti guarderà dritta negli occhi" Stalker terrorizzava l'ex moglie: arrestato

A Montegrotto Terme. I carabinieri hanno stretto le manette ai polsi di un 55enne

Nelle scorse ore, i militari della stazione dei carabinieri di Montegrotto Terme hanno arrestato, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 2 marzo scorso dal gip del tribunale di Padova Cristina Cavaggion, un 55enne con dimora nel Padovano ritenuto responsabile del reato di atti persecutori nei confronti dell'ex moglie, una donna di 54 anni.

STALKER. L'uomo, già sofferente di disturbi psichici, dopo un turbolento matrimonio nel corso del quale non erano mancati episodi di forti litigi anche per futili motivi, a luglio 2016 si era separato dalla coniuge, con la quale ha due figli, uno minorenne e uno di 24 anni. Ciononostante, il 55enne non aveva placato i propri comportamenti aggressivi nei confronti della donna, rendendosi, anzi, responsabile di una serie di reiterate minacce e molestie.

LE MINACCE. Poco prima della separazione, l’uomo, in una circostanza, aveva afferrato la moglie al collo e solo grazie all’intervento dei due figli della coppia il tentativo di strangolamento non aveva avuto esiti ben più gravi. Lo stalker, successivamente, aveva inviato alla donna una sequela di inquietanti ingiurie e minacce tramite social network (whatsapp, facebook, ecc.) via via sempre più gravi, in un’escalation che ha toccato il suo apice nei giorni scorsi: in uno dei messaggi più recenti, l’arrestato ha inviato all’ex-coniuge la figura di un uomo nell’atto di sparare, corredato da frasi con minacce di morte verso la donna e i figli.

I MESSAGGI INVIATI ALLA EX. "Sarai sempre il mio bersaglio, prima o poi mi troverai davanti a te. Non ho fretta"; "la mia pistola ti guarderà dritta negli occhi": sono alcuni dei messaggi inviati dal 55enne all'ex moglie, tanto che la vittima, per lo stato d’ansia e paura generato dai comportamenti dell’ex-marito stalker, era arrivata addirittura a cambiare le proprie abitudini di vita e a decidere di non presentarsi più al lavoro. 

L'ARRESTO. L’attività dei militari dell’Arma, che hanno rapportato all’autorità giudiziaria i "gravissimi elementi indiziari" raccolti, è stata recepita e condivisa dal sostituto procuratore Federica Baccaglini, che, con il coordinamento del procuratore aggiunto Valeria Sanzari della Procura della Repubblica di Padova, ha avanzato la "richiesta urgente di provvedimento restrittivo" nei confronti dello stalker, accolta integralmente dal gip del tribunale patavino. L’arrestato dopo le formalità di rito è stato accompagnato alla casa circondariale di Padova, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento