rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Basta mail e WhatsApp fuori orario, la rivolta dei professori contro la scuola digitale

Al Newton-Pertini di Camposampiero sono arrivate 725 circolari in un anno, più di due al giorno. La Cgil diffida i dirigenti

La scuola invia troppe comunicazioni agli insegnanti via sms, e-mail o massaggi su WhatsApp e il sindacato si ribella. La segreteria provinciale della Flc Cgil di Vicenza “diffida” i dirigenti scolastici dall’uso smodato di avvisi online che costringono i docenti a tenere costantemente sotto controllo computer e smartphone anche nelle ore serali e nei giorni festivi per accertarsi se è arrivata qualche news urgente su orari o riunioni dell’indomani. All’Istituto superiore Newton-Pertini di Camposampiero, l’anno scorso, sono arrivati ai docenti ben 725 circolari in formato elettronico o sms.

LO STOP.

La Flc-Cgil ha detto basta. Secondo il segretario provinciale della Flc-Cgil di Vicenza, Carmelo Cassalia, le comunicazioni vengono inviate anche alle 22 o 23: una condizione che compromette la libertà e invade la sfera personale dei docenti. Il fenomeno sarebbe molto diffuso. La dematerializzazione sembra aver appesantito le vite di molti insegnanti, generando stress e malumori. Ora il sindacato chiede una regolamentazione e delle limitazioni agli invii.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basta mail e WhatsApp fuori orario, la rivolta dei professori contro la scuola digitale

PadovaOggi è in caricamento