Cronaca

Il viaggio degli studenti australiani per incontrare i coetanei padovani

Sono stati ospitati nelle case dei ragazzi del liceo Galilei di Selvazzano Dentro. Poi, la visita a palazzo Santo Stefano, sede storica della Provincia, dove li hanno ricevuti il vicepresindente e l'assessore Rossi

Gli studenti australiani a palazzo Santo Stefano

Un gruppo di studenti australiani è stato accolto nella sede storica della Provincia di Padova, Palazzo Santo Stefano, dal vicepresidente Fabio Bui. Ad accompagnare i ragazzi c’erano i loro coetanei del liceo Galilei di Selvazzano, gli insegnanti, il dirigente scolastico e l’assessore del comune di Selvazzano, Giovanna Rossi.

VICEPRESIDENTE DELLA PROVINCIA. "È un piacere darvi il benvenuto nella sede storica di Palazzo Santo Stefano – ha detto il Vicepresidente Bui - il Santo al quale era dedicata la chiesa abbattuta per fare spazio all'attuale sede degli uffici del governo. È anche un grande piacere incontrare chi ha promosso tutto questo. Conosco bene le difficoltà della vostra scuola a reperire risorse, ma anche l’impegno del dirigente scolastico e dei docenti, che non si sono scoraggiati, credendo nel valore educativo di un progetto di scambio da anni proposto agli studenti italiani, che oggi hanno quindi la possibilità di comunicare e di far nascere nuove amicizie con l'altra parte del mondo. Ringrazio gli studenti australiani per aver avuto la disponibilità a intraprendere un viaggio così lungo per venire a Padova e nel Veneto, e aver iniziato un percorso di apprendimento della lingua italiana che, mi auguro, li porterà ancora più lontano". 

ASSESSORE ROSSI. Ai ringraziamenti alle famiglie degli studenti italiani, che hanno dimostrato un profondo senso di ospitalità mettendo a disposizione le loro case e il loro tempo per accogliere gli amici australiani, si è unita l’assessore Rossi, che ha colto l’occasione per ricordare quanto determinante siano stati anche l’impegno e la passione degli insegnanti e degli allievi ospitanti per realizzare concretamente il progetto: "La conoscenza è un nutrimento indispensabile per il cervello – ha dichiarato - e quest’idea di far avvicinare due mondi così fisicamente distanti mi sembra davvero straordinaria". Al termine dell’incontro è stato proiettato un filmato per introdurre gli studenti alle bellezze storiche e artistiche del padovano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il viaggio degli studenti australiani per incontrare i coetanei padovani

PadovaOggi è in caricamento