menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia a Cadoneghe, non regge le tensioni sul lavoro e si impicca: trovato morto dal figlio

Mercoledì mattina. La vittima è un cinquantenne. L'uomo ha lasciato un biglietto d'addio in cui si scusa con i familiari. All'origine del gesto estremo - pare - dei problemi con l'azienda

Ha deciso di togliersi la vita, impiccandosi in casa propria con una corda per tapparelle. È la tragica fine di un cinquantenne, trovato morto nella casa in cui viveva a Cadoneghe. È stato il figlio, alle 6.40 di mercoledì mattina, a fare la drammatica scoperta. Inutili purtroppo i soccorsi. Al personale del Suem 118 non è restato altro da fare che dichiarare il decesso. 

SUICIDIO. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della locale stazione per i rilievi di rito. Prima di compiere l'estremo gesto, il cinquantenne ha lasciato un biglietto di scuse per i familiari, spiegando che la decisione del suicidio era stata maturata a seguito di una situazione sul lavoro divenuta per lui insostenibile.

"STRESS SUL LAVORO". L'uomo lavorava per una multinazionale produttrice di sistemi di interconnessione elettrica ed elettronica con sede a Padova. Nell'ultimo periodo, il dipendente aveva accumulato tensioni di cui la famiglia era al corrente, dovute al carico di lavoro di cui si sentiva responsabile. Un malessere che, tuttavia, non sarebbe mai stato palesato in azienda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Attualità

Perquisizioni e ostacoli alle Coop: il Dap "commissaria" il Due Palazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento