menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tabaccaio condannato per avere ucciso il ladro, minacce: giudice finisce sotto scorta

Commenti feroci, attacchi, anche personali, e persino minacce di morte. Sul web, la contestazione della condanna si è trasformata in un accanimento verso chi l'ha decisa

Giudice sotto scorta. La procura di Padova ha deciso di tenere sotto sorveglianza delle forze dell'ordine l'abitazione di Beatrice Bergamasco. Si tratta di una misura a scopo precauzionale, alla luce dell'attacco mediatico seguito alla condanna di Franco Birolo - il tabaccaio di Civè di Correzzola che, il 26 aprile del 2012, uccise con un colpo di pistola il ladro che si era introdotto nel suo negozio - a due anni e otto mesi di reclusione per eccesso colposo di legittima difesa, e al risarcimento di 325mila euro alla famiglia del ladro.

GIUDICE SOTTO SCORTA. Commenti feroci, duri attacchi, anche personali, e persino minacce di morte. Sul web, in particolare nel mondo dei social, la contestazione della condanna si è trasformata in un accanimento nei confronti del giudice che l'ha decisa. Di qui, la decisione di mettere la Bergamasco sotto protezione giorno e notte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento