Cornavirus, gli esperti: Sì al modello Veneto con più test su asintomatici e sanitari

A chiederlo è Susanna Esposito, presidente dell'Associazione mondiale per le malattie infettive e disordini immunologici (Wadid), che suggerisce anche di «Utilizzare parte dei fondi per ampliare la rete dei laboratori che devono analizzarli»

«Sì al modello Veneto, con più tamponi per testare la positività al Covid-19, prevedendo anche test periodici sugli operatori sanitari nei reparti ad alto rischio». A chiederlo è Susanna Esposito, presidente dell'Associazione mondiale per le malattie infettive e disordini immunologici (Wadid), che suggerisce anche di «Utilizzare parte dei fondi per ampliare la rete dei laboratori che devono analizzarli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il modello veneto

La situazione oggi, spiega «è di persone che chiamano per il tampone, ma se non hanno la febbre da almeno 2-3 giorni e se non hanno avuto il contatto stretto con persone Covid-positive non vengono controllate, solo messe in isolamento. Questo, però, induce comportamenti di precauzione diversi rispetto al sapere di essere realmente positivi». L'opinione che si diffonde quindi tra gli esperti, incluso Massimo Galli, direttore Malattie infettive dell'Ospedale Sacco di Milano, è che sia necessario estendere i tamponi a persone con sintomi lievi e a quelle venute a contatto con i malati, pur se non presentano sintomi. «Il piano della Regione Veneto è stato finora quello di fare molti tamponi per la rilevazione precoce dell'infezione e questo ha permesso di avere una letalità inferiore nei contagiati, circa il 2,4%, rispetto a un media nazionale del 6,5%", osserva Esposito, ordinario di Pediatria all'Università di Parma e specializzata in Infettivologia. L'intenzione del governatore Luca Zaia è ora quella di andare alla ricerca, con tamponi a caso su passanti, di persone inconsapevoli di esser positive al Coronavirus». «Questa soluzione andrebbe accolta anche nelle città con focolai epidemici significativi, come Bergamo, Parma e Piacenza, per verificare la prevalenza di asintomatici e paucisintomatici, che possono trasmettere il virus». Sono però troppo pochi i laboratori per analizzare i test. «Non riescono a reggere il carico di lavoro e danno risposte in ritardo, anche per i ricoverati. Parte dei fondi - conclude Esposito - andrebbero utilizzati per attrezzare altri laboratori a questo scopo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • «Dov’è la felicità? È molto lontana, è vicino a Padova», il meme diventa virale

  • Tragedia nella Bassa: bimba di un anno e mezzo muore investita dal nonno

  • Frontale tra una Punto e un furgoncino: 17enne padovana perde la vita

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento