menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di corrompere i carabinieri per evitare il ritiro della patente

Protagonista un imprenditore padovano 42enne residente a Tombolo e che si trovava in vacanza in Costa Smeralda. Sorpreso in moto in contromano a una rotatoria a Porto Rotondo, ha cercato di offrire ai militari 500 euro: è stato arrestato

Ha offerto 500 euro ai carabinieri per evitare il ritiro della patente e il sequestro della moto. Un tentativo di corruzione tour court che però non è andato a buon fine e che è costato all'autore, Matteo P., un imprenditore padovano nel ramo del bestiame di 42 anni, residente a Tombolo, l'arresto nella notte tra venerdì e sabato da parte dei militari della stazione di Porto Rotondo in costa Smeralda destinatari dell'"offerta" per chiudere un occhio e "risolvere la questione".

L'ARRESTO. L'uomo era stato sorpreso dai militari dell'arma in sella alla sua moto mentre percorreva in senso contrario una rotatoria del centro turistico sardo. Gli era stata immediatamente contestata la violazione del codice della strada che in questi casi prevede il ritiro della patente e il sequestro del mezzo. È a questo punto che il turista - come hanno riferito i militari - ha preso 500 euro in contanti dal portafogli e li ha offerti agli uomini in divisa. Ma gli è andata male e ai suoi polsi si sono subito strette le manette con l'accusa di tentata corruzione. L'udienza di convalida dell'arresto è già stata fissata per lunedì prossimo nel tribunale di Tempio Pausania.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento