Tenta il suicidio nel Brenta: un ventenne africano lo salva tuffandosi nell'acqua gelida

É in gravi condizioni ma vivo l'uomo che stamattina si è lasciato cadere nel fiume. Lo deve a una donna che ha dato l'allarme e a un ragazzo, che ha rischiato la vita per salvarlo

I carabinieri durante le fasi del salvataggio. Nel riquadro, Ousmane Cissoko

L'acqua, non quella del Brenta ma quella del Mediterraneo, Ousmane Cissoko l'ha affrontata esattamente tre anni fa quando in Libia si è imbarcato su un gommone che lo ha portato in Sicilia. Forse memore di quei momenti, quando ha visto il 68enne tra i flutti non ci ha pensato due volte e, con il suo coraggio, lo ha strappato alla morte.

L'avvistamento

A notare quella strana figura nelle acque grigie del Brenta tra Cadoneghe e il quartiere Torre è stata una donna, che lunedì mattina passeggiava lungo il fiume all'estrema periferia nord est del capoluogo. Sono bastati pochi secondi per capire che si trattava di un corpo umano e, terrorizzata, la passante ha immediatamente dato l'allarme.

Il salvataggio

I primi ad arrivare all'altezza della passerella pedonale Virginio Benetti che congiunge le due rive, sono stati i carabinieri, con vigili del fuoco e ambulanza. L'aspirante suicida era però ormai sulla sponda: a salvarlo, tuffandosi in acqua nonostante la pioggia e le temperature prossime allo zero, è stato il ventenne senegalese. Il ragazzo ha sentito le grida della donna e, capita la gravità della situazione, non ha esitato un solo istante. Si è tolto gli indumenti più pesanti ed è sceso in acqua. Ha raggiunto a nuoto l'uomo ormai privo di sensi e lo ha trascinato a riva.

Salvo il giovane eroe

Qui lo hanno aiutato i militari, uno dei quali è sceso in acqua issando a terra entrambi e mettendoli al sicuro. Infreddolito ma salvo, Ousmane è stato visitato, asciugato e riscaldato. A circondarlo, il plauso dei soccorritori. Residente in zona, il 21enne è arrivato in Italia nel gennaio di tre anni fa come migliaia di altre persone in fuga dal centro Africa. In cerca di un futuro migliore, appena 18enne, ha affrontato il viaggio attraverso il deserto dal Senegal alla Libia. Poi la traversata, con la speranza di toccare la terra europea. Ha risalito la penisola, è passato per il centro di accoglienza di Bagnoli e ora è riuscito a trovare un lavoro e regolarizzarsi.

La vittima è grave

Sono invece parse subito molto gravi le condizioni dell'uomo caduto in acqua. Il 68enne padovano è stato immediatamente affidato ai paramedici che lo hanno portato d'urgenza in ospedale, dove gli è stata diagnosticata una seria ipotermia. Secondo le prime ricostruzioni l'anziano avrebbe raggiunto a piedi la sommità della passerella, avrebbe scavalcato il parapetto e si sarebbe lasciato cadere in acqua. Sui motivi del gesto vige il massimo riserbo e gli inquirenti sono ancora al lavoro, anche se l'ipotesi più accreditata è al momento quella del gesto estremo. Solo lui potrà spiegare cosa lo abbia spinto a lanciarsi nel Brenta in una fredda mattina di gennaio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

Torna su
PadovaOggi è in caricamento