Cronaca

L'amministrazione: "No alla teoria gender nelle scuole di Cittadella"

Questo il messaggio trasmesso, nel corso dell'incontro tenutosi lunedì 7 settembre in villa Rina, ai dirigenti e ai rappresentanti di classe delle scuole dell'infanzia e primarie locali: "Ci impegnamo a vigilare"

A Cittadella non verrà promossa all'interno del Piano di offerta formativa alcuna attività didattica che richiami alla così detta "teoria gender". Questo il messaggio che l'amministrazione comunale ha voluto trasmettere, nel corso dell'incontro tenutosi lunedì 7 settembre in villa Rina, ai dirigenti e ai rappresentanti di classe di tutte le scuole dell'infanzia e primarie di Cittadella e frazioni.

LA RIUNIONE. L'incontro - presieduto dal vice sindaco reggente, Luca Pierobon, dall'assessore alla Cultura, Chiara Lago, dal consigliere e presidente della II Commissione, Paola Grosselle, dalla dirigente dell'Istituto comprensivo, Marina Zanon, dall'avvocato Andrea Bertollo e dalla docente Campagnolo, responsabile dei progetti di affettività presso l'Istituto comprensivo - ha avuto come principale obiettivo quello di fare chiarezza sulla questione e tranquillizzare i genitori, invitandoli a non creare falsi allarmismi e di rivolgersi sempre ad esperti della materia.

AMMINISTRAZIONE CONTRO TEORIA DEL GENDER. Nel corso della riunione, inoltre, è stato anche reso noto che il consiglio regionale del Veneto ha presentato una mozione relativa all'argomento e che è intenzione dell'amministrazione adottarla e, dunque, "impegnarsi a vigilare, per quanto di propria competenza, sulla diffusione nelle scuole della teoria gender, riconoscendo il diritto imprescindibile dei genitori di educare i propri figli in tema di affettività e di sessualità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'amministrazione: "No alla teoria gender nelle scuole di Cittadella"

PadovaOggi è in caricamento