menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Susanna e Massimiliano

Susanna e Massimiliano

Susanna da Padova e Massimiliano da L'Aquila: un amore in tendopoli

Lei, psicologa, da anni nella città del Santo, dopo il terremoto dell'aprile 2009, è andata lì per aiutare. Tra le vittime, lui, consulente del lavoro. Ora hanno due figli e nel luglio prossimo convoleranno a nozze

Una storia che ha il sapore della rinascita. L'amore tra Susanna e Massimiliano è sbocciato tra le macerie di un'Aquila devastata dal terremoto. Qui, dopo il 6 aprile 2009, persone come Susanna, sono arrivate spostandosi dai propri agi per dare conforto e speranza ad un popolo che, di punto in bianco, si è ritrovato a non avere più nulla. Tra le vittime di questa tragedia immane, c'era anche Massimiliano.

IL TERREMOTO. Lei, milanese, a Padova da anni per portare avanti il proprio percorso di studi come psicologa, dopo il disastro in Abruzzo aveva deciso di aderire al progetto dell'associazione "Psicologi per i popoli". Così si era ritrovata all'Aquila, per dare sostegno a quelle persone. Nella tendopoli della frazione aquilana di Bagno, in località "Lilletta", allestita per ospitare gli sfollati, c'era Massimiliano, di mestiere consulente del lavoro.

L'INCONTRO. "Ma che bella psicologa mi è venuta a salvare", ha pensato lui. "Ma che bel papà", si è detta invece Susanna, convinta che nello stuolo di bambini che quell'uomo aveva la dote di attirare a sé ci fossero anche i suoi figli. Non era così. Alla festa organizzata per l'ultima sera in tendopoli, lui l'ha presa in braccio e un amico li ha spinti facendoli cadere in una piscina. Da lì, non si sono più lasciati.

IL MATRIMONIO. Sono iniziati i viaggi per vedersi. Poi, l'idea di sposarsi, accantonata perché prima sono arrivati, uno dopo l'altro, Samuele, due anni e un mese, e Martina, di un mese e mezzo. Nel 2011, Susanna si è trasferita all'Aquila, dove la famiglia vive in periferia, anche se l'intenzione è quella di prendere casa in centro città, così che Susanna possa ritrovare una dimensione simile a quella di Padova. Intanto, tra le tante cose da fare, una finalmente è già stata fissata, ed è la data del matrimonio tanto atteso, il prossimo 18 luglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento