menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Basilica di San Benedetto dopo il crollo

La Basilica di San Benedetto dopo il crollo

Nuova violenta scossa di terremoto nel Centro Italia: avvertita distintamente nel Padovano

Lo sciame sismico, avvenuto attorno alle 7.40, si è avvertito in tutta Italia, Veneto compreso. Decine le telefonate ai vigili del fuoco

Una nuova e devastante scossa di terremoto, dopo quella del 26 ottobre, ha colpito il Centro Italia alle 7.40 del 30 ottobre 2016. Il sisma, secondo i sismografi dell'Esmc, è stato di magnitudo 6.5 Richter, magnitudo confermata poi anche dall'Ingv che inzialmente aveva invece rilevato una magnitudo più bassa.

AVVERTITA IN TUTTA ITALIA.  Una scossa fortissima dunque, che si è sentita in tutta l'Italia, ed è stata avvertita anche nel Padovano. L'epicentro risulta nella stessa zona colpita dal sisma del 26 ottobre, tra i paesi di Fiastra e Ussita, al confine tra Marche ed Umbria. L'ipocentro ad una profondità di dieci chilometri. 

LE SCOSSE. La prima scossa è stata seguita da altri sei forti sismi: molte abbandontamente sopra i 4.0 di magnitudo, secondo sismografi dell'Esmc. L'ultima scossa alle 8.13 ha fatto registrare una magnitudo di 4.8. Dalle prime notizie che arrivano dai sindaci di alcuni Comuni dalla zona colpita stamane alle 7:40  ci sono numerosi crolli a Ussita, Arquata, Castelsantangelo sul Nera, Amatrice e Accumoli. "E' venuto giù tutto, ormai i nostri paesi non esistono più", ha detto subito dopo la scossa il sindaco di Arquata del Tronto. Il sindaco di Ussita ha detto che il sisma "ha distrutto tutto" e che il "90% delle case è crollato". Ad Amatrice è caduta la torre civica che aveva restitito al sisma del 24 agosto, a Norcia è crollata la basilica di San Benedetto

NEL PADOVANO. A Padova decine di telefonate ai vigili del fuoco di persone che hanno avvertito il sisma, notando oscillazioni delle pareti, in particolare nei piani più alti delle abitazioni, dei lampadari e dei soprammobili. Attualmente non risultano danni o feriti derivati dalla scossa. La colonna mobile regionale dei Vigili del fuoco del Veneto è stata allertata subito dopo l’ultima scossa di terremoto di questa mattina nell’Italia centrale.

SOCCORSI. Sono già partiti per recarsi nella zona di Norcia: 1 sezione operativa da Padova con 4 mezzi e 9 operatori, 1 sezione operativa MSL (modulo supporto logistico), 1 sezione GOS (gruppo operativo speciale) specializzati nel movimento terra da Verona con 6 automezzi tra cui 1 terna, 1 pala cingolata, 1 mini escavatore, 1 bobcat e 9 operatori, 1 sezione USAR MEDIUM (urban search and rescue) da Treviso con 12 operatori e 4 mezzi, 2 sezioni USAR MEDIUM da Venezia-Mestre con 24 operatori e 9 automezzi, Rimane allertata la sezione operativa di Vicenza pronta a muoversi se richiesta dal centro operativo nazionale dei vigili del fuoco. Ottantasei i vigili del fuoco dei comandi del Veneto tra quelli che stanno raggiungendo la zona e quelli già presenti dai giorni scorsi.

Su Twitter lampadario che oscilla a Padova:


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento