Teschio e ossa umani ripescati dal canale Sabbadina a Barbona

Il macabro ritrovamento venerdì mattina dagli operai del consorzio di bonifica Adige Euganeo che stavano lavorando nel corso d'acqua. I reperti rinvenuti sono stati sequestrati per essere sottoposti ad accertamenti

Resti umani immersi nell'acqua, tra i fondali di un canale, probabilmente a mollo da diverso tempo, sono stati rinvenuti venerdì mattina, durante dei lavori da parte degli operai del Consorzio di bonifica Adige Euganeo.

LE INDAGINI. Il macabro ritrovamento nel canale Sabbadina a Barbona, nella Bassa padovana. I reperti, un teschio e un frammento osseo, sono stati sequestrati su disposizione dell'autorità giudiziaria di Rovigo, al fine di essere sottoposti ad approfonditi accertamenti per cercare di risalire all'epoca, le cause della morte, nonché all'identità. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Vescovana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: secondo paziente dimesso, 12 casi tra Limena, Curtarolo e San Giorgio in Bosco

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento