menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mario Conte

Mario Conte

Falsifica il testamento e si intesta eredità da 90 milioni, condannato

Il tribunale di Padova ha inflitto 4 anni di reclusione a Luciano C., il maggiordomo che con un raggiro si appropriò del lascito milionario del ricco pellicciaio padovano Mario Conte morto il 13 ottobre del 2008

Falso e appropriazione indebita, come riportano i quotidiani locali, il tribunale di Padova ha confermato martedì mattina in primo grado le accuse del pubblico ministero Sergio Dini nei confronti del 63enne Luciano C. condannandolo a 4 anni di reclusione. Il maggiordomo ha falsificato il testamento del suo datore di lavoro Mario Conte - deceduto a 91 anni il 13 ottobre del 2008 - intestandosi, in qualità di erede universale, il patrimonio da 90 milioni di euro lasciato dal ricco pellicciaio. Scagionate invece dall'accusa di ricettazione la moglie e la figlia del condannato.

IL PROCESSO. Il pubblico ministero aveva chiesto 7 anni

RIPRISTINATI ILEGITTIMI EREDI. Il foglio redatto a mano con la firma di Conte, che sanciva appunto l'incoronamento del cameriere come unico erede, è stato quindi giudicato un falso a tutti gli effetti. Si va dunque verso il ripristino dei legittimi eredi, nel frattempo tutti i beni sono stati posti sotto sequestro. Il 63enne dovrà inoltre risarcire con 30mila euro le parti civili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento