menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alessandro Rusalen (foto: ristosmart.com)

Alessandro Rusalen (foto: ristosmart.com)

Ristoratore rapinato sotto casa dopo il lavoro da due banditi armati: "Brutta esperienza"

L'episodio nella notte tra domenica e lunedì, in via Pietro d'Abano a Campodarsego. Vittima un 42enne, titolare del locale "Dai Gemelli", in via Dondi dell'Orologio, in centro a Padova

Rapina, nella notte tra domenica e lunedì, ai danni del titolare del ristorante "Dai Gemelli" di via Dondi dell'Orologio, in centro a Padova. La vittima, Alessandro Rusalen, 42 anni, intorno all'1, è stato avvicinato da due banditi, travisati in volto e armati entrambi di pistola, che lo hanno costretto a consegnare i soldi in suo possesso. Magro il bottino: il portafogli con, all'interno, 150 euro.

IL COLPO A CAMPODARSEGO. L'episodio si è svolto a Campodarsego, in via Pietro d'Abano, dove il titolare del locale risiede e stava per l'appunto rincasando al termine della giornata lavorativa. Aveva fatto in tempo a parcheggiare l'auto, quando i due malviventi lo hanno rapinato, senza ferirlo, per poi fuggire a bordo di un'auto di grossa cilindrata. Sul caso indagano i carabinieri della stazione locale.

LA TESTIMONIANZA. "Una brutta esperienza - racconta il ristoratore che da una quindicina d'anni gestisce il locale in centro città, a conduzione familiare, e tornato l'indomani, come ogni giorno, al lavoro in via Dondi dell'Orologio, a due passi da piazza Capitaniato - non escludo che mi stessero seguendo, pensando di rapinarmi dell'incasso, che non avevo con me. Sono entrati mentre si stava per chiudere il cancello del parcheggio del residence in cui abito e dove avevo appena lasciato l'auto per entrare in casa. Non ho fatto però in tempo ad aprire il secondo cancello della mia abitazione che me li sono visti piombare davanti, intimandomi di dargli i soldi. Erano stranieri, probabilmente dell'Est Europa. Avevano tutti e due la pistola in pugno e anche delle fascette di plastica, che fortunatamente non hanno usato. Probabilmente il loro piano era diverso. Sono riuscito a salvare il cellulare perché ho gridato e dal trambusto sono usciti anche i vicini di casa, al punto che i due rapinatori hanno preferito scappare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento