Trovato cadavere nel fiume Brenta sospetta una morte accidentale

Alle prime luci dell'alba di venerdì, a Fontaniva, il corpo senza vita Erminio Scalco, 67enne del posto, è stato rinvenuto in solo mezzo metro d'acqua. Si segue l'ipotesi dell'annegamento a seguito di malore

Si era allontanato da casa, in sella alla sua mountain bike, nel pomeriggio di giovedì, non facendovi più ritorno. Erminio Scalco, 67enne, cittadellese, residente a Fontaniva, è stato trovato cadavere venerdì mattina, intorno alle 6.30, riverso nelle acque del fiume Brenta, a Fontaniva.

MORTE ACCIDENTALE. L'uomo soffriva di diabete e, come segnalato dalla moglie, Maria Giovanna Peruzzo, 58enne originaria di Carmignano di Brenta, doveva prendere la dose di insulina alle 18. Non vedendolo rientrare, la donna ha dato l'allarme ai carabinieri di Cittadella, che hanno avviato le ricerche. Stamane il ritrovamento in un tratto del fiume dove era presente solo mezzo metro d'acqua. L'ipotesi seguita dagli inquirenti è quindi di morte a seguito di malore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inferno in autostrada: esplode tir, carbonizzato l'autista, feriti due lavoratori

  • Luca Zaia attacca Poiana: «Non si può andare in tv a sputtanare il Presidente della Regione, ditelo a Pennacchi»

  • Tragedia lungo l'autostrada: padovano schiacciato sotto il suo camion

  • 30 secondi di pura magia: il video spot del Natale a Padova

  • Un corpo riaffiora dal canale. Il deambulatore abbandonato prima della tragedia

  • Scopre due persone che dormono nel suo garage: una era la proprietaria dell'immobile

Torna su
PadovaOggi è in caricamento