Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Trapianto di fegato, studio: test urine mostra il consumo di alcol

La ricerca dell'università di Padova, pubblicata su Liver Transplantation, dimostra come l'esame sia fondamentale per monitorare l'assunzione alcolica da parte di pazienti in lista o già operati

Allertare l’equipe trapiantologica del consumo alcolico in pazienti candidati al trapianto di fegato o che lo hanno ricevuto. Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori dell'università di Padova, conferma come l'esame delle urine sia il miglior metodo per individuare la presenza di alcol nell'organismo. La ricerca, pubblicata su Liver Transplantation, suggerisce di combinare esame delle urine e alcol test.

RECIDIVITÀ ALCOLICA. L’epatopatia alcolica è una delle più comuni indicazioni al trapianto di fegato sia in Europa che negli Stati Uniti. Inoltre, studi clinici riportano che fino al 49 % dei pazienti trapiantati di fegato durante il follow-up presentano una recidiva del consumo alcolico, che può causare un danno dell’organo trapiantato. Tali pazienti hanno una sopravvivenza ridotta rispetto a quelli astinenti.

I MEDICI. “La valutazione del consumo alcolico è un momento cruciale nella selezione dei candidati al trapianto di fegato” spiega il professor Paolo Angeli, responsabile dell’unità di emergenze mediche e trapianto di fegato dell’università di Padova. “È altrettanto importante individuare l’uso di alcol nei pazienti dopo il trapianto di fegato, in modo intraprendere precocemente le misure terapeutiche e di supporto" aggiunge il dottor Salvatore Piano.

LA SPERIMENTAZIONE. Dalle sperimentazioni su 121 pazienti, i ricercatori hanno individuato un consumo alcolico nel 31% dei partecipanti e l’esame delle urine, uEtG, è stato individuato come il più forte marker di consumo alcolico. Quando è stato comparato con la Cdt, l’uEtG ha dimostrato di essere significativamente più accurato. Inoltre, la combinazione di uEtG e alcol test si è dimostrata superiore alla combinazione di CDT e test alcolico, AUDIT-c. Infine, nei pazienti con AUDIT-c negativo, l’uEtG è stato l’indicatore più efficace del consumo di alcol.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trapianto di fegato, studio: test urine mostra il consumo di alcol

PadovaOggi è in caricamento