menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passaggio della primaria Manin all’11° Istituto Comprensivo, la risposta del Comune

Le precisazioni dell’assessore Cristina Piva dopo le proteste di alcuni genitori

La primaria Manin, con il passaggio dall’8° Istituto Comprensivo all’11°, non subirà alcun ridimensionamento e tanto meno perderà le sue specificità. L’assessore alle politiche scolastiche Cristina Piva puntualizza alcuni aspetti della questione: “Chiariamo subito una cosa anche a beneficio di chi non è esperto di queste problematiche: la scuola Manin, rimane dove è adesso, con gli stessi alunni e gli stessi insegnanti. E fino alla fine di quest’anno scolastico mantiene lo stesso dirigente scolastico", dichiara.

IL TRASFERIMENTO.

"Da un punto di vista amministrativo, e solo da quello, dal prossimo anno scolastico la scuola passa all’11° Istituto comprensivo e avrà un nuovo dirigente scolastico. Gli insegnanti saranno gli stessi, a meno di una loro volontaria richiesta di trasferimento, e potranno continuare a realizzare i progetti già avviati che sono così apprezzati da genitori e alunni. Non si capisce perché la nuova dirigente scolastica dovrebbe cancellare le esperienze positive realizzate alla Manin. La dirigente scolastica dell’11° Istituto comprensivo è disponibilissima a dialogare con insegnanti e genitori e a trovare una soluzione anche alla lamentata ipotetica mancanza, per un anno, di rappresentanti della Manin in Consiglio di Istituto", spiega Piva.

LA PETIZIONE.

"Voglio infine precisare che a differenza di quanto affermano alcuni firmatari della petizione, non serve per legge alcuna delibera del Consiglio di Istituto per trasferire una scuola da un Istituto Comprensivo ad un altro. Ho incontrato il 20 novembre dirigenti, presidenti e vicepresidenti degli Istituti Comprensivi, per spiegare il problema e cercare insieme alternative; l’11 dicembre poi sono andata alla scuola Manin per incontrare anche genitori e insegnanti e per comunicare e spiegare la decisione presa. Come amministrazione abbiamo il dovere di applicare le normative nazionali in materia e mi sembra di assoluto buon senso fare in modo che gli Istituti Comprensivi non abbiano eccessivi squilibri tra loro nel numero degli alunni e soprattutto non vengano soppressi Istituti”, conclude l'assessore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento