menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treviso-Ostiglia, la Provincia completa la ciclabile: aggiunto un tratto a Pieve di Curtarolo

I cicloturisti che percorrevano l'itinerario interrompevano la loro marcia tra le vie Romanato e Monte Pasubio immettendosi lungo la strada: con il collegamento percorso in sicurezza

I cicloturisti che percorrono l’itinerario ciclabile “Treviso-Ostiglia” potranno presto attraversare la frazione di Pieve di Curtarolo in completa sicurezza. La provincia di Padova ha dato infatti il via ai lavori per realizzare un tratto di pista ciclabile lungo le vie Romanato e Monte Pasubio, nell’area compresa tra il cimitero e l’ex casello di via De Gasperi. 

PERCORSO COMPLETATO. "Si tratta di un intervento importante per dare completezza a una pista tra le più amate e frequentate del Veneto e dell’Italia – ha spiegato il Presidente della Provincia di Padova, Enoch Soranzo". Il percorso s’interrompeva perché, dice il presidente Soranzo "il sedime originario, successivamente alla dismissione della ferrovia, era stato occupato dalla viabilità comunale costringendo quindi i cicloturisti ad immettersi lungo la strada. Ora si potrà invece attraversare il centro di Pieve di Curtarolo in completa sicurezza, grazie a questi ulteriori 200 metri realizzati dalla Provincia".


MARCIAPIEDI. La pista sarà ricavata allargando e modificando i marciapiedi esistenti lungo via Romanato e via Monte Pasubio, per una spesa totale di 56mila euro. “Il percorso dell’ex ferrovia – ha concluso Soranzo – rappresenta un’opportunità di sviluppo turistico, ambientale e culturale che sta riscuotendo grande interesse. Il numero dei ciclisti che amano percorrere questo bellissimo itinerario è in costante aumento, ma il percorso è molto frequentato anche per i piccoli spostamenti locali visto che rappresenta un comodo corridoio di collegamento tra i vari paesi. Il nostro obiettivo è che questi percorsi non siano utilizzati soltanto da pochi appassionati, ma siano davvero vissuti e amati anche dai cittadini stessi e da quanti vogliono riscoprire la bellezza della mobilità cosiddetta debole. In questo senso, la Treviso-Ostiglia rappresenta proprio un fiore all’occhiello del nostro territorio”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento