menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riina jr rivedrà papà Totò: il Tribunale di Sorveglianza dà l'ok all'incontro padre-figlio

"Salvuccio" aveva impugnato il provvedimento con cui, lo scorso giugno, gli era stato negato di fare visita al genitore attualmente detenuto nell'ala ospedaliera del penitenziario di Parma

Potrà rivedere il papà, "Salvuccio", terzogenito e figlio prediletto di Salvatore "Totò" Riina, il boss di Cosa Nostra. 

IL NO DEL TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI PADOVA. L'ex padrino di Corleone è stato arrestato il 15 gennaio 1993 dopo anni di latitanza. Il boss, sottoposto al regime 41bis, il carcere duro, è attualmente detenuto nell’ala ospedaliera del penitenziario di Parma. Il "capo dei capi" non sta bene, inoltre sono anni che Riina Junior non lo incontra, per questo Salvuccio (a Padova in regime di libertà vigilata), sostenuto dall'avvocato Francesca Casarotto, aveva impugnato il provvedimento con cui, lo scorso giugno, il tribunale di Sorveglianza di Padova gli aveva negato di visitare il genitore.

RIINA JR RIVEDRÀ IL PAPÀ. Oltre alle ragioni mediche - Totò soffre di Parkinson, di problemi al cuore e delle conseguenze di un'ischemia cerebrale -, il legale aveva fatto notare come Salvuccio fosse l'unico della famiglia a non poter vedere il padre (madre, sorelle e fratello - anche lui detenuto in regime 41 bis - possono fargli visita). Il tribunale di Sorveglianza si era riservato di decidere e, nel frattempo, aveva acquisito il provvedimento del 41 bis nei confronti di Totò per accertare limitazioni e prescrizioni imposte al boss. Giovedì - come riportano i quotidiani locali - è arrivato l'ok all'incontro padre-figlio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Attualità

Perquisizioni e ostacoli alle Coop: il Dap "commissaria" il Due Palazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento