menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa: finta addetta agli antifurti "cerca il parroco", ma trova i gioielli

Si è fatta aprire la porta di casa da un'anziana fingendo di avere bisogno del prete. Quando la vittima, residente a Padova in via Giolitti, l'ha fatta entrare, la malvivente si è fatta mostrare dove tenesse i monili d'oro

"Avrei bisogno del numero del parroco". Questa la scusa con cui una donna, venerdì, è riuscita a farsi aprire la porta di casa da una signora di 73 anni, residente a Padova, in via Giolitti.

LA TRUFFA. L'anziana, purtroppo, non ha capito in tempo che quella persona non aveva affatto buone intenzioni. Le ha permesso di entrare, anche perché quella donna, ben vestita, con un italiano perfetto, l'aveva convinta di essere un'incaricata all'introduzione di microchip nelle abitazioni per salvaguardare dai furti gli effetti personali. In pratica, un congegno che avrebbe suonato qualora qualche malintenzionato si fosse introdotto in casa.

SPARITI GIOIELLI E CONTANTI. Peccato che la malintenzionata fosse proprio lei: si è fatta mostrare dove la proprietaria tenesse i monili, poi si è fatta accompagnare all'esterno dalla 73enne. Solo al rientro in casa, la vittima si è resa conto che tutti i suoi gioielli erano spariti e anche 700 euro in contanti. Non le è restato altro che sporgere denuncia ai carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento