"Soldi falsi ai distributori": la scusa dei finti carabinieri, ma l'anziano non abbocca

Giovedì mattina. La vittima è un 76enne di Urbana. I malviventi si sono presentati a casa sua, chiedendogli di mostrare loro le banconote, con la scusa di presunti controlli in corso

Finti carabinieri tentano di truffare un anziano. È accaduto giovedì mattina, verso le 11.30, ad un signore di 76 anni di Urbana, che, fortunatamente, non ha abboccato. I malviventi si sono presentati a casa sua, chiedendogli di mostrare loro le banconote che aveva in casa, con la scusa di presunti controlli in corso perché nei distrubutori di carburante della zona giravano dei soldi falsi.

L'ANZIANO "FIUTA" LA TRUFFA. L'anziano, anche grazie alla campagna di sensibilizzazione svolta dall'Arma per prevenire proprio determinate tipologie di reati, ha "fiutato" l'inganno ed ha allontanato i due truffatori riferendo che avrebbe chiamato il 112. I malintenzionati si sono allontanati a bordo di un'auto bianca.

IL CONSIGLIO DEI CARABINIERI. I carabinieri, che hanno avviato le indagini, ricordano che i militari non si presentano nelle abitazione a chiedere denaro e monili in oro, e che in casi dubbi è sempre opportuno contattare il 112.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente, esce di strada e si schianta nel fosso: muore un 56enne

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Si getta sui binari alla stazione di Padova: treni in tilt all'alba di lunedì

  • Scoperti due boss dello spaccio nella Bassa: i clienti per proteggerli finiscono denunciati

  • Infarto durante l'ora di lezione a scuola: grave una studentessa di 14 anni

  • Auto a fuoco mentre percorre la tangenziale: paura e traffico in corso Australia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento