"Soldi falsi ai distributori": la scusa dei finti carabinieri, ma l'anziano non abbocca

Giovedì mattina. La vittima è un 76enne di Urbana. I malviventi si sono presentati a casa sua, chiedendogli di mostrare loro le banconote, con la scusa di presunti controlli in corso

Finti carabinieri tentano di truffare un anziano. È accaduto giovedì mattina, verso le 11.30, ad un signore di 76 anni di Urbana, che, fortunatamente, non ha abboccato. I malviventi si sono presentati a casa sua, chiedendogli di mostrare loro le banconote che aveva in casa, con la scusa di presunti controlli in corso perché nei distrubutori di carburante della zona giravano dei soldi falsi.

L'ANZIANO "FIUTA" LA TRUFFA. L'anziano, anche grazie alla campagna di sensibilizzazione svolta dall'Arma per prevenire proprio determinate tipologie di reati, ha "fiutato" l'inganno ed ha allontanato i due truffatori riferendo che avrebbe chiamato il 112. I malintenzionati si sono allontanati a bordo di un'auto bianca.

IL CONSIGLIO DEI CARABINIERI. I carabinieri, che hanno avviato le indagini, ricordano che i militari non si presentano nelle abitazione a chiedere denaro e monili in oro, e che in casi dubbi è sempre opportuno contattare il 112.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento