menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spedisce i dati via Whatsapp per ottenere carta straccia: l'assicurazione era un tranello

Un'offerta decisamente allettante ha ingannato un ignaro automobilista, che non ha intuito il pericolo finendo nell'imbroglio. Il truffatore ha un lungo curriculum criminale

Un fenomeno che sta subendo una crescita preoccupante: sono sempre di più i cittadini che, pensando di risparmiare sull'assicurazione dell'auto incappano in truffatori abili e spietati.

Il raggiro

A lanciare l'allarme sono i carabinieri, dopo l'ennesimo episodio che ha richiesto quasi nove mesi di indagini per individuare il responsabile. La vittima è un 44enne, di origine straniera ma da anni residente a Selvazzano. A gennaio l'uomo ha cercato online qualche offerta per assicurare la sua automobile, trovando una polizza molto vantaggiosa su un sito web. Allettato dal basso costo, non si è insospettito quando gli hanno chiesto di versare l'importo su una carta Postepay, né quando gli hanno chiesto di spedire i suoi documenti tramite Whatsapp. Due circostanze singolari, che nessun ente assicurativo legale utilizzerebbe.

Documenti fasulli

Il 44enne ha versato 340 euro sulla carta prepagata e spedito una fotografia della carta d'identità con un messaggino sul cellulare, certo che in breve tempo avrebbe ricevuto tutti i documenti dell'assicurazione. Appena li ha avuti in mano, si è reso conto che qualcosa non andava: sulle pratiche mancavano molti dati normalmente presenti su qualsiasi tagliando assicurativo. Con una breve ricerca ha scoperto l'amara verità: la sua auto non era assicurata, la polizza era carta straccia.

Il truffatore

Manco a dirlo, il numero di cellulare a cui aveva inviato i documenti era disattivato: impossibile qualsiasi contatto con il sito web dove aveva fatto l'acquisto. L'unica soluzione è stata rivolgersi ai carabinieri, che con i pochi dati a disposizione si sono messi sulle tracce del truffatore. Dopo nove mesi di indagini serrate hanno individuato un 48enne napoletano, già colpevole di molte truffe online, che aveva creato ad hoc un sito dove proponeva assicurazioni a prezzi irrisori. Il campano è stato denunciato, ma l'attività dei carabinieri prosegue per accertare se vi siano altre vittime e per tentare di recuperare il denaro del selvazzanese.

I consigli utili

A fronte del numero sempre maggiore di episodi simili, i militari hanno stilato alcune norme utili per non farsi imbrogliare online. Il primo consiglio è quello di non lasciarsi abbagliare da offerte troppo vantaggiose: spesso online si trovano polizze notevolmente più economiche rispetto a quelle tradizionali, ma bisogna valutare attentamente la fonte d'acquisto. Bisogna analizzare il sito web, controllando che vi siano recapiti e indirizzo, ma anche la storia del gruppo, la possibilità di ottenere preventivi e, possibilmente, le recensioni di altri clienti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento