Cronaca

Copiavano gli annunci online e vendevano le auto degli altri insertori a prezzi stracciati

I carabinieri della stazione di Casale di Scodosia hanno denunciato a piede libero per truffa due persone. Sarebbero gli autori di almeno altri 10 colpi, per un guadagno di 15mila euro

Mercoledì mattina, i carabinieri della stazione di Casale di Scodosia hanno denunciato a piede libero per truffa G.G., italiano di 39 anni, e B.A., 43enne straniera, entrambi residenti nella provincia di Bergamo e gravati da precedenti specifici.

LA DENUNCIA. Le indagini erano partite dalla denuncia presentata lo scorso agosto da un residente: qualcuno stava provando a vendere la sua macchina su un noto portale online per circa 11mila euro. Il querelante, tempo prima, aveva in effetti provato a cercare sul sito web un acquirente per quello stesso veicolo, ma ad una cifra decisamente superiore.

IL MODUS OPERANDI. I militari hanno, quindi, dato avvio alle indagini, ricostruendo il modus operandi dei due malviventi: i due si fingevano potenziali clienti di veicoli, chiedendo ai proprietari informazioni, foto e documenti dei mezzi. A quel punto, fraudolentemente e sotto false identità, inserivano, sullo stesso sito, un analogo annuncio, a prezzi, però, estremamente vantaggiosi. Una volta trovato l'acquirente, si facevano girare una somma a titolo di caparra su carte poste pay intestate a falsi soggetti, i cui versamenti venivano fatti confluire su due conti il cui iban risulta intestato ai malviventi. Ovviamente, ricevuto il denaro, i falsi insertori si rendevano irreperibili.

ALTRE 10 TRUFFE ACCERTATE. Sono state accertate altre 10 truffe analoghe, per un guadagno di circa 15mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Copiavano gli annunci online e vendevano le auto degli altri insertori a prezzi stracciati

PadovaOggi è in caricamento