menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le Fiamme Gialle in sopralluogo sul monte Cero ai piedi del traliccio

Le Fiamme Gialle in sopralluogo sul monte Cero ai piedi del traliccio

Traliccio del monte Cero: maxi truffa al comune di Baone e al Parco Colli

Due imprenditori padovani sono indagati nell'ambito dell'operazione "Antenne pulite" per frode e truffa. Sequestrati beni per 350mila euro tra conti correnti e immobili nella Bassa

Il due indagati, amministratori di una società Rti, tra il 2015 e il 2017 avrebbero illecitamente omesso di versare al comune di Baone e all'Ente parco colli Euganei oltre 290mila euro. Avrebbero inoltre emesso fatture false per 200mila euro, con la complicità di due funzionari pubblici, evadendo 60mila euro di imposte.

Le accuse

A scoperchiare i traffici di Fabrizio Gastaldo, 58 anni, e il figlio Roberto di 30 è stata l'indagine "Antenne pulite", condotta dalla guardia di finanza di Padova e coordinata dalla procura di Rovigo, che li vede ora a giudizio per truffa aggravata ai danni del Comune e dell'Ente parco oltre che per frode in pubbliche forniture.

L'accordo

Fulcro della truffa è stato il ripetitore del monte Cero, a cui sono agganciati gli impianti per le trasmissioni radiotelevisive sul territorio. Il traliccio era stato dato in gestione per sessant'anni a una società Rti (Raggruppamento temporaneo di imprese) amministrata dai due padovani, la Monte Cero Srl. Per trasmettere i programmi, le emittenti radio e tv pagavano un canone alla società. Questa a sua volta, come previsto dall'accordo con il comune di Baone e il Parco Colli, avrebbe dovuto versare ai due enti il 30% del ricavato.

La truffa

L'indagine ha dimostrato che Monte Cero Srl, tra il 2015 e il 2017, è invece riuscita a dichiarare un ricavato notevolmente inferiore al reale, versando quindi a Comune e Parco percentuali molto ridotte. Per farlo i due imprenditori avevano creato una seconda società, subaffidandole illegalmente la gestione del traliccio. Questa seconda società incassava regolarmente i pagamenti dalle emittenti, ma ne stornava solo una minima parte alla Monte Cero Srl. Così a Comune e Parco venivano presentati ricavi fittizi, con un escamotage che li avrebbe privati di almeno 290mila euro.

Funzionari complici

Oltre alla truffa sui canoni, le analisi della contabilità aziendale hanno portato a galla anche un giro di fatture false emesse dalle imprese che formavano la Rti per almeno 200mila euro. Irregolarità che hanno portato a segnalare alla procura di Rovigo uno dei due imprenditori e due funzionari degli enti pubblici: pur consapevoli della truffa in atto, avrebbero infatti attestato la correttezza delle cifre dichiarate, evadendo oltre 60mila euro di imposte mai versate. Il reato configurato è il falso in atto pubblico, che si somma alla frode fiscale.

I sequestri e il danno erariale

A fronte delle prove raccolte il giudice ha disposto sequestri per 350mila euro. Le Fiamme Gialle hanno eseguito il sequestro di sei conti correnti (110mila euro) e diciassette immobili (240mila euro) nella Bassa Padovana, tra cui il sequestro preventivo di 60mila euro corrispondenti alle imposte evase. Il caso è poi approdato alla Corte dei conti di Venezia. Secondo la finanza infatti i due imprenditori padovani sarebbero responsabili di un danno erariale di oltre 400mila euro, che comprende anche un oneroso finanziamento a fondo perduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento