menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un sistema informatico ad hoc, modificando l'iban per impossessarsi dei soldi altrui

I carabinieri hanno sottoposto all'obbligo di firma un 57enne padovano, considerato essere l'ultimo anello di un'organizzazione che, era riuscita a manomettere i dati per i pagamenti a mezzo bonifico bancario

Alcune anomalie sul conto corrente hanno insospettito gli operatori della banca Unicredit di via Crescini, a Padova. Movimenti di denaro che sono stati segnali ai carabinieri che hanno dato inizio alle indagini.

BONIFICI. L'attività investigativa ha portato a M.G., 57enne, padovano, incensurato. L'uomo, come in altre occasioni, si sarebbe recato in banca dopo aver ricevuto un bonifico di 6.500 euro che a suo volta doveva girare in un conto all'estero. L'uomo è stato quindi fermato e sottoposto all'obbligo di firma in attesa di ulteriori sviluppi.

ORGANIZZAZIONE. Il 57enne, sarebbe l'ultimo anello di un'organizzazione che, con degli strategemmi informatici, avrebbe modificato e intercettato alcuni pagamenti attraverso bonifico bancario facendo in modo che venissero dirottati sui loro conti dei soldi che in realtà erano destinati ad altri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento