menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Seimila euro per l'auto in vendita: si ripete il classico copione con il truffatore scomparso

Si riconferma il trend delle truffe telematiche, con il mondo dei motori e quello della tecnologia in vetta alle categorie di merce più sfruttata nel raggirare le vittime

Continuano a ritmo serrato le indagini dei carabinieri per contrastare i reati commessi via internet e anche nella giornata di ieri sono stati due i casi registrati nel Padovano. A essere raggirati sono stati un uomo di Cadoneghe e uno di Saccolongo.

Cadoneghe

Il primo caso è stato seguito dai carabinieri di Cadoneghe, che hanno denunciato un 45enne di Gallarate. Il lombardo ha messo in vendita sul portale Subito.it un'automobile e quando è stato contattato da un 43enne padovano interessato all'acquisto, lo ha convinto a inviare un pagamento di ben 6.100 euro. Dopo aver incassato i soldi, si sono perse le tracce tanto del venditore quanto dell'auto. La vittima, dopo aver capito di essere stata raggirata, si è rivolta ai militari che dopo una lunga indagine sono risaliti ieri all'identità del truffatore.

Saccolongo

Un caso analogo si è verificato a Saccolongo, dove i carabinieri di Selvazzano hanno denunciato per truffa un 44enne residente a Pompei. L'indagine è partita dalla segnalazione di un 40enne del posto che aveva cercato di acquistare su un sito di compravendite uno smartphone messo in vendita dal napoletano. Anche stavolta la vittima ha inviato il pagamento per ricevere il cellulare, ma il venditore si è reso irreperibile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento