Rintracciati quattro truffatori che operavano online tramite siti di annunci: denunciati

I carabinieri di San Martino di Lupari e di Agna hanno trovato i quattro responsabili di due truffe distinte condotte online: la prima vittima ci ha rimesso quasi duemila euro, la seconda "solo" cento euro

Ne sanno una più del diavolo. In un caso, sono riusciti a farsi accreditare quasi duemila euro su due diverse postepay facendo inserire le credenziali alla vittima da uno sportello atm, in un altro si sono limitati a cento euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le truffe

Era il maggio 2020 quando un 41enne di San Martino di Lupari riceve un messaggio: due persone sono interessate ad acquistare il passeggino gemellare che aveva inserito sul sito Subito.it. I due, un 22enne di Giulianova (Teramo) e un 28enne di Roseto degli Abruzzi (Teramo), convincono l’uomo a fare un’operazione presso uno sportello atm e si fanno così versare sulle loro postepay 1902 euro. Rintracciati dai carabinieri di San Martino di Lupari, sono stati denunciati per truffa in concorso. Una situazione simile è stata vissuta da un operaio 25enne di Candiana: in aprile, nell'ambito di una trattativa per l'acquisto di una Playstation 4, una 46enne di Aversa (Napoli) e un 19enne di Napoli si sono fatti accreditare cento euro sulla postepay per poi sparire nel nulla. Li hanno trovati i carabinieri di Agna e sono stati denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento