Truffatori fantasiosi: a Saccolongo l’Oscar della scusa più inverosimile

Un uomo si è presentato da un residente spiegando di dover buttare dell'acido sui tubi dell'acqua, accennando al fatto che fosse necessario coprire i soldi conservati in casa, perché rischiavano di arrugginirsi

Un tentativo grottesco di introdursi in casa per rubare, che si aggiunge ai molti episodi succedutisi nei mesi passati, spesso sfruttando il nome di Etra: sedicenti addetti che suonavano ai campanelli per vendere depuratori d’acqua, per chiedere il pagamento di insoluti nelle bollette, o telefonate con cui si chiedevano appuntamenti.

SCUSE ASSURDE. Questa volta, però, Saccolongo si aggiudica l’Oscar della scusa più inverosimile. Non c’è infatti limite alla fantasia di chi vuole truffare i cittadini e neppure ritegno per farsi consegnare dei soldi. Un uomo si è presentato alla porta di un utente Etra e ha spiegato di dover buttare dell'acido sui tubi dell’acqua, perché l'acqua non era buona. Quindi ha accennato al fatto che fosse necessario coprire i soldi conservati in casa, perché altrimenti rischiavano di … arrugginirsi. Insospettito dalla storia l’utente ha cacciato l’uomo e ha comunicato l’accaduto allo sportello utenti di Etra, al numero verde 800 566766 cui rivolgersi in casi che generano sospetti.

IN CASO DI DUBBIO, TELEFONARE. Etra ricorda che l'acqua erogata "è potabile e di ottima qualità, che l’azienda non autorizza nessuno a chiedere soldi, neppure in caso di interventi a pagamento. Questi vengono addebitati in bolletta. Inoltre, qualora si presenti alla porta una persona che si qualifica come addetto o tecnico Etra, bisogna chiedere il tesserino di riconoscimento. In caso di dubbio, si consiglia sempre di telefonare al Numero verde dell’azienda (800 566766 per il servizio idrico, 800 247842 per il servizio rifiuti, attivi dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20)".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Stroncato da un malore: imprenditore muore nell'azienda fondata quarant'anni fa

  • Tremendo schianto fra tre mezzi: centauro trentenne muore in ospedale

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Guadagni da 45mila euro al mese: cade un altro pezzo grosso dello spaccio nella Bassa

  • Frontale tra due auto sotto la pioggia: intervengono i pompieri per salvare i feriti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento