Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Truffano prete e nipote per 450mila euro: finti agenti segreti a giudizio

Le indagini, a Padova, erano partite nell'agosto 2013, grazie ad un ex chierichetto. I due dovranno rispondere di concorso in circonvenzione di incapace continuato. L'udienza è stata fissata per il 19 novembre

Si sono finti agenti segreti, gli unici in grado di salvare da grossi guai un anziano prete (ex parroco in una chiesa a Padova) e sua nipote, che gli faceva da badante. Un raggiro studiato bene, che avrebbe fruttato ai criminali ben 450mila euro. I due ora dovranno rispondere di concorso in circonvenzione di incapace continuato: come riporta il Gazzettino di Padova, il pm Sergio Dini ha chiesto per loro in rinvio a giudizio. L'udienza è fissata per il 19 novembre.

TRUFFA AL PRETE E ALLA NIPOTE. Le indagini, avevano preso avvio nell'agosto 2013, quando due ex chierichetti, ancora molto affezionati al vecchio parroco, avevano presentato un esposto in procura. Uno dei due, infatti, sarebbe venuto a conoscenza dell'inganno, teso da un ex parrocchiano 46enne e da un suo complice di 70 anni, parlando con la nipote del sacerdote. La donna, che soffrirebbe di problemi di depressione di cui il truffatore sarebbe stato a conoscenza, avrebbe raccontato all'ex chierichetto di ricevere insistenti richieste di denaro da parte di due persone.

CHIUSE LE INDAGINI. L'ex chierichetto, parlando con la nipote del sacerdote, avrebbe capito che qualcosa non andava, e si sarebbe quindi mosso con un altro ex compagno di parrocchia per smascherare il raggiro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffano prete e nipote per 450mila euro: finti agenti segreti a giudizio

PadovaOggi è in caricamento