Truffavano e derubavano gli anziani: in manette un trio di pluripregiudicati

All'alba di venerdì i carabinieri hanno dato esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip arrestando due uomini e una donna con diversi precedenti

I tre arrestati. Da sinistra: Francesco Catter, Cosmo Pulejo, Soleima Floriani. Le immagini sono concesse dall'autorità giudiziaria per consentire il riconoscimento da parte di eventuali altre vittime

Quelli del medico o del funzionario Inps erano i ruoli più utilizzati dal gruppo di truffatori. Si spacciavano per professionisti, mandando avanti la donna, per carpire la fiducia delle prede e derubarle senza scrupoli. Gli inquirenti gli contestano quattro colpi, ma si sospetta che siano molti di più. Uno di loro è anche invischiato in un giro di spaccio.

I nomi

Cosmo Pulejo, 52enne di Merlara residente a Minerbe, Francesco Catter, 35enne di Legnago e la 31enne Soleima Floriani di Terrazzo sono stati arrestati all'alba di venerdì dai carabinieri di Vescovana, Este e Legnago. Su disposizione del gip del tribunale di Rovigo che li accusa di furto e truffa, sono stati condotti in carcere.

Il modus operandi

Una lunga indagine li ha individuati come i responsabili di una serie di truffe e furti ai danni di anziani, che imbrogliavano e derubavano nelle loro abitazioni. Si presentavano come incaricati dell'Inps o medici, con una scusa si facevano aprire la porta e una volta dentro, mentre la Floriani distraeva la vittima, i due complici arraffavano contanti, gioielli e bancomat. Quattro gli episodi accertati: a Barbona, Tribano, Conselve e Rossano Veneto. Ma il sospetto è che possano essere decine, vista la caratura criminale del trio. L'autorità giudiziaria ha autorizzato la diffusione delle fotografie affinché eventuali altre vittime possano farsi avanti con le forze dell'ordine.

I precedenti

Vite disseminate di denunce e arresti, tutte vissute nello stretto lembo di terra a cavallo tra le province di Padova e Verona. Merlara, Legnaro, Terrazzo: un perimetro di poche decine di chilometri quadrati, età diverse, ma la stessa propensione alla delinquenza che ha fatto collezionare loro una sfilza di precedenti. L'ultimo in ordine di tempo è l'arresto per spaccio del Pulejo, scoperto a fine maggio a Villa Bartolomea dove a bordo del suo furgone ha consegnato 25 grammi di eroina grezza a un 17enne. E poi furti a ripetizione per il Catter, rapine per la Floriani insieme alle sorelle, inseguimenti per le campagne della Bassa.

Intercettati grazie all'auto

Li tenevano sotto controllo da tempo, seguendo i movimenti della Ford Focus con cui raggiungevano gli obiettivi da colpire. Il recente arresto del Pulejo e quello di un altro individuo vicino al terzetto (anche quello per spaccio) hanno poi dato la svolta definitiva. A inchiodarli definitivamente anche le testimonianze delle vittime, che li hanno riconosciuti con assoluta certezza. Su disposizione della procura di Rovigo per i tre indagati si sono riaperte le porte del carcere.

Potrebbe interessarti

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Sette momenti in cui è fondamentale lavarsi le mani in casa

I più letti della settimana

  • Si schiantano con l'auto contro un platano: passeggera elitrasportata in ospedale, è grave

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Pauroso schianto tra due auto, feriti i conducenti. Interviene l'elisoccorso, strada chiusa

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

  • Litigio tra pazienti allo studio medico: costole rotte e denunce per due pensionati

Torna su
PadovaOggi è in caricamento