menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maurizio Saia, assessore alla sicurezza di Padova

Maurizio Saia, assessore alla sicurezza di Padova

Tso: costituito un comitato tecnico per evitare il ripetersi di casi come Sant'Urbano

Mettere a punto una procedura concordata per regolamentare al meglio le tipologie di intervento: "vertice" operativo a Padova convocato dall'assessore alla sicurezza Saia

Un comitato tecnico-operativo per rileggere le modalità, tuttora in uso, relative agli accertamenti e ai trattamenti sanitari obbligatori, Tso e Aso. L’obiettivo è di mettere a punto una procedura concordata per regolamentare al meglio le due tipologie di intervento. Questa la sintesi del primo incontro del tavolo operativo convocato dall’assessore alla sicurezza di Padova Maurizio Saia al quale hanno preso parte il presidente del tribunale, i direttori di azienda ospedaliera, Ulss 16, 118, i responsabili dei servizi psichiatrici dell’Ulss 16, il comandante della polizia Locale Antonio Paolocci.    

SAIA. "Vogliamo evitare il ripetersi di casi come quelli occorsi a Torino, a Sant’Urbano, o come accaduto un anno fa a Padova quando un nostro agente è stato ferito da una coltellata da un uomo al quale stava cercando di notificare un Tso – ha spiegato Saia – Evitare la benchè minima sbavatura nelle comunicazioni tra parte sanitaria e forze dell'ordine aiuta certamente a eliminare i rischi per gli operatori ma anche per il soggetto malato".

PROSSIMO INCONTRO. Questo primo incontro è solo l’inizio di un percorso destinato a produrre un documento ufficiale, una sorta di protocollo per la città condiviso anche con le altre forze dell’ordine, che si basi sulle disposizioni di legge ma che riguardi in particolare la parte operativa. Il prossimo "vertice" è previsto per i primi di marzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento