menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attentato Parigi, Padova intensifica la vigilanza sui suoi "siti sensibili"

Il prefetto Patrizia Impresa, alla luce dei tragici fatti parigini, ha presieduto, sabato mattina, una Riunione tecnica di coordinamento delle forze di polizia: "Rafforzeremo l'attività di prevenzione e controllo"

All'indomani dall'attentato terroristico a Parigi, e alla luce delle nuove minacce dell'Isis, che ha dichiarato che dopo la capitale francese "toccherà a Roma, Londra e Washington", la tensione, anche in Italia, è ai massimi livelli. Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, dopo i primi contatti con il capo della polizia, Alessandro Pansa, ha disposto tempestivamente, già venerdì sera, un immediato innalzamento dei livelli di sicurezza, con particolare riferimento a quelli francesi. Vigilanza massima, in tutto il territorio nazionale, su porti, aeroporti e stazioni, sedi diplomatiche, luoghi di culto, monumenti e musei, centri commerciali e luoghi di aggregazione, scuole e università di diversi paesi. L'attenzione è rivolta in particolar modo alle grandi città, in primis Roma e Milano, ma anche Padova alza la vigilanza sui suoi luoghi "sensibili".

CONTROLLI INTENSIFICATI SUI "SITI SENSIBILI". Il prefetto euganeo, Patrizia Impresa, ha presieduto, sabato mattina, una Riunione tecnica di coordinamento delle forze di polizia, convocata a seguito dell'attentato parigino: "In conformità alle determinazioni assunte nel Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica e sulla base di un'attenta analisi della situazione locale - si legge in una nota diffusa da palazzo Santo Stefano - si è disposta l'intensificazione dell'attività di prevenzione e di controllo del territorio e delle principali vie di comunicazione, nonché un rafforzamento della vigilanza agli obiettivi sensibili. Sono stati inoltre confermati gli stretti raccordi operativi tra le forze di polizia così come previsto dalle apposite pianificazioni di emergenza".

PADOVANI A PARIGI NELLA NOTTE DEL MASSACRO: LE TESTIMONIANZE

BITONCI. A Patrizia Impresa, il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha chiesto di convocare urgentemente un comitato per la sicurezza in Prefettura: "Padova, come molte città italiane, è centro di culto cristiano e meta di milioni di pellegrini provenienti da tutto il mondo - ha dichiarato Bitonci - in più occasioni è stata indicata come possibile obiettivo di attacchi terroristici. Dobbiamo agire subito, le Istituzioni devono essere in prima linea nella difesa della vita e dell'identità della nostra Europa, così come della comunità padovana. A tutti i nostri concittadini - ha aggiunto - chiedo di essere testimoni forti della cultura della libertà e della non violenza, chiedo di non avere paura, di vigilare e segnalare agli organi competenti eventuali situazioni di pericolo. Padova abbraccia i nostri fratelli francesi - ha concluso - Padova abbraccia tutti i cittadini europei, di qualsiasi nazionalità ed etnia, che rifiutano la violenza".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento