Studentessa universitaria affetta da tubercolosi polmonare: test anche al Collegio Dimesse

Il caso è stato registrato a luglio: la studentessa in questione ha frequentato la Scuola dell’Infanzia e la Sezione Primavera dell’Istituto Collegio Dimesse, venendo a contatto con bambini e operatori

Meglio specificarlo subito: si tratta di una malattia infettiva a bassa contagiosità e a lento sviluppo, che si trasmette da persona a persona per via aerea - goccioline emesse con la tosse - ma solo in caso di contatto stretto (condivisione con ridotti spazi chiusi poco areati o colloquio diretto personale) e prolungato, ovvero otto ore al giorno continuative per più giorni. Ma in queste occasioni le precauzioni non sono mai abbastanza: nel mese di luglio è stato registrato a Padova un caso di tubercolosi polmonare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tubercolosi polmonare

Ad esserne affetta è una studentessa universitaria di origini straniere tornata nel suo Paese natale già da due mesi e lì tuttora ricoverata: risulta che fosse iscritta all'Università di Padova nella facoltà di Scienze della Formazione, tanto che nei giorni scorsi circa mille studenti sono stati invitati a effettuarsi ai test per verificare l'eventuale contagio. Non sono gli unici, però, ad aver condiviso gli stessi spazi con la ragazza, come reso noto dall'Ulss 6 Euganea: "A seguito del caso della studentessa universitaria affetta da tubercolosi polmonare, nel mese di luglio il servizio di igiene e sanità pubblica dell'Ulss 6 Euganea è venuto a conoscenza che la studentessa in questione ha frequentato la Scuola dell’Infanzia e la Sezione Primavera dell’Istituto Collegio Dimesse dal primo febbraio al 30 aprile, venendo a contatto con bambini e operatori. È stato informato l’Istituto e, vista la chiusura estiva, per raggiungere più velocemente tutti i genitori effettivamente interessati è stato concordato di inviare  per e-mail ad ognuno di loro una lettera informativa con l’impegnativa e  le istruzioni su come, dove e quando fare il Test Quantiferon (prelievo di sangue). Sono interessati: 9 bambini della Sezione Primavera, 67 bambini della Scuola Infanzia, 7 docenti e 5 operatori. A seguito di richieste di precisazioni da parte di genitori della Scuola Primaria (Elementare) e della Scuola Secondaria di Primo grado (Medie) non interessati dalle misure preventive in quanto i loro figli non erano venuti a contatto con la persona ammalata, il primo agosto l’Istituto ha inviato una seconda lettera informativa a tutti i genitori dell’Istituto. Finora hanno richiesto il Test Mantoux (intradermoreazione) una decina di studenti universitari, risultati negativi"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Sr 308, morti il 19enne alla guida dell'auto e il camionista

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • «Il suo reparto è in lutto con noi tutti»: infarto fatale per Elena, 39enne infermiera padovana

  • Ex seminario Tencarola venduto a società bergamasca

  • Vaccino anti-Coronavirus, pronta a partire la sperimentazione in Veneto: l'annuncio della Regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento