rotate-mobile
Cronaca

Ucraina, 1.400 profughi arrivati nel Padovano, presto ci saranno altri cento posti letto disponibili

E' quanto raccolto dalla Prefettura dopo l'avviso pubblico di manifestazione di interesse. Finora 200 persone si trovano nei Cas e 94 nell'hub di Monselice

Presto si avranno altri cento posti letto per i profughi ucraini in arrivo. Questo grazie alle manifestazioni di interesse di chi si occupa di accoglienza pervenute alla Prefettura.

L'accoglienza

Nella mattinata di mercoledì 30 marzo si è tenuta in Prefettura la riunione settimanale della cabina di regia per l'emergenza Ucraina. Al tavolo con il prefetto Raffaele Grassi c'erano l'assessore al Sociale Marta Nalin, il questore Antonio Sbordone, il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Luigi Manzini, e il comandante della guardia di finanza colonnello Michele Esposito. Erano presenti anche il console onorario Marco Toson, il direttore della Caritas Lorenzo Rampon e i rappresentanti dell'Ulss 6 Euganea, di Assindustria Venetocentro e del Centro servizi volontariato. Al momento 1.400 profughi sono ospiti di familiari o amici mentre 200 persone sono alloggiate nei centri di accoglienza straordinaria e 94 nell'hub di Monselice. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati a Padova 1.769 tamponi. Entro una decina di giorni si dovrebbero avere altri 100 posti letto nei centri di accoglienza straordinaria grazie alle manifestazioni di interesse raccolte dalla Prefettura a seguito dell'avviso pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucraina, 1.400 profughi arrivati nel Padovano, presto ci saranno altri cento posti letto disponibili

PadovaOggi è in caricamento