menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ulss unica padovana, rassicurazioni dalla Bassa: "Nessun posto di lavoro a rischio"

In una nota ufficiale, l'Ulss 17 smentisce ogni ipotesi relativa a una perdita di posti di lavoro tra gli operatori del Cup aziendale

Riceviamo e pubblichiamo la nota ufficiale dell'Ulss 17 che smentisce ogni ipotesi relativa a una perdita di posti di lavoro tra gli operatori del Cup aziendale.

La legge regionale che definisce la riforma sanitaria prevede una significativa semplificazione amministrativa, ma non incide sulla programmazione sanitaria, dunque non prevede tagli di alcun tipo, né alle dotazioni ospedaliere, né ai servizi in generale e tanto meno al personale.
Ne consegue che anche il Cup nell’azienda Ulss 17 della Bassa Padovana continuerà a operare come avvenuto fino ad oggi, dunque saranno mantenuti sia la sede all'ospedale Madre Teresa di Calcutta a Schiavonia, sia gli sportelli periferici a Conselve, Este Monselice e Montagnana; questo al fine di garantire la necessaria prossimità ai cittadini per un servizio ad elevata frequenza di utilizzo.?
Va precisato comunque che nell’Ulss 17 il servizio Cup è affidato ad un concessionario esterno, l’Euganea Sanità spa, che in una recente trattativa per il 2017 ha chiesto un forte aumento del canone. Il concessionario ha paventato, in caso di non accoglimento da parte della direzione delle richieste, la possibilità di interruzione del servizio. 
Rispetto a tale richiesta, la direzione dell’Azienda si è impegnata in un confronto costruttivo, al fine di assicurare il mantenimento di tutti i posti di lavoro oltre al mantenimento del servizio. 
Va sottolineato che la direzione aziendale è ben consapevole che elemento imprescindibile di tale trattativa è che i servizi vanno in ogni caso mantenuti se non, ove necessario, potenziati. Infatti, proprio da tale confronto con il concessionario, sono emerse alcune linee guida condivise che consentiranno di calmierare i costi, garantendo nel contempo gli standard qualitativi del servizio e il pieno mantenimento della forza lavoro in essere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento