Polizia Locale Federazione Camposampierese: arriva la prima unità cinofila

Avrà compiti di controllo del territorio, davanti alle scuole, nei parchi e nelle zone "a rischio", intervenendo anche la sera e la notte nelle aree di spaccio

Come previsto dal nuovo regolamento speciale del corpo approvato a luglio, la giunta della federazione ha dato il via libera all’attivazione del Nucleo Cinofilo per la propria Polizia Locale, che sarà addetto a compiti di controllo del territorio, davanti alle scuole, nei parchi e nelle zone "a rischio", intervenendo anche la sera e la notte nelle aree più soggette a fenomeni di degrado e incuria il più delle volte collegati allo spaccio di stupefacenti.

Prevenzione

Il servizio sarà inizialmente avviato con un conduttore che impiegherà il proprio cane addestrato con compiti di prevenzione e controllo: successivamente, sulla base dei riscontri dell'attività svolta, sarà possibile incrementare il numero delle unità cinofile addestrandole anche per altre attività di sicurezza urbana e polizia giudiziaria. La consulenza per l'addestramento, la selezione del personale e dei cani sarà fornita da un Ente esterno altamente specializzato e già utilizzato da altri Comandi di Polizia Locale. Il protocollo d'intesa che sarà sottoscritto dovrà prevedere anche la consulenza e l'assistenza da parte dell’Ente convenzionato, nell'acquisto degli animali nei diversi allevamenti esistenti.

Mesi operativi

«L’avvio ufficiale di tutte le attività per avviare il servizio è stato fissato a gennaio 2021 e si prevede che entro 6 mesi si possano muovere i primi passi operativi; anche perché, alla base dell’unità cinofila, ci deve essere un addestramento ben gestito dall’animale e altrettanto assimilato dal conduttore che sarà individuato all’interno del comando. È importante dare valore a entrambe le componenti che devono allinearsi, e chi si occupa della formazione deve aiutare a trovare questa empatia; sono certo che questo servizio, porterà molte soddisfazioni», spiega il comandante Antonio Paolocci. «Per la prima volta la Polizia Locale della Federazione potrà contare su un proprio Nucleo dedicato alla lotta contro fenomeni di degrado e lo spaccio, contando sulla professionalità dei propri agenti specializzati e molto preparati, che una volta formati, potranno operare a tutela della sicurezza e della salute dei nostri ragazzi e dei genitori. L’impegno del nuovo nucleo cinofilo si concentrerà infatti soprattutto nelle aree frequentate dagli studenti, nei pressi delle scuole e nelle zone di arrivo e partenze dei mezzi pubblici, luoghi solitamente convenzionali al piccolo spaccio», prosegue il Presidente della Federazione Stefano Scattolin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Specifici finanziamenti

L’amministrazione investirà sostenendo economicamente il nuovo servizio, anche ricorrendo a specifici finanziamenti, sia per quanto riguarda la formazione del personale e l’addestramento del cane, ma anche dotando il Nucleo Cinofilo di un nuovo mezzo predisposto e allestito per il trasporto di due cani, il che consentirà un eventuale futuro potenziamento del servizio. «L’Unità Cinofila della Polizia Locale opererà nell’ambito dei propri servizi ma potrebbe rivelarsi estremamente utile, persino in caso di calamità naturali per supportare e aiutare la Protezione Civile senza trascurare che all’occorrenza, potrà essere messa a disposizione per le loro attività anche alle altre forze dell’ordine, con le quali si sta operando in stretta collaborazione e sinergia per garantire la sicurezza sul territorio», conclude Paolocci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento