rotate-mobile
Cronaca

Chiusura mensa San Francesco, studenti presentano interrogazione in Regione

La questione è stata portata in Senato accademico, dal rettore e a palazzo Ferro Fini per trovare una soluzione alla cessazione del servizio ristorazione da settembre

“La mobilitazione per trovare una soluzione di ripiego all'ormai inevitabile chiusura della Mensa San Francesco attesa a partire da settembre, non si ferma”, è quanto scrivono gli studenti universitari dopo la decisione dell’amministrazione di Esu per la cessazione del servizio pasti alla San Francesco da settembre fino a data da destinarsi per lavori.

IL RETTORE. Gli studenti per unipd, con un comunicato, spiegano come si muoveranno: “dopo il flash-mob ed i volantinaggi organizzati nelle scorse settimane con lo scopo di sensibilizzare gli studenti e più in generale tutti coloro che quotidianamente frequentano il servizio di ristorazione, la battaglia per trovare il prima possibile una soluzione non va in vacanza. La questione è già stata portata in senato accademico dai nostri rappresentanti, dove abbiamo raccolto il "sostegno" e l'attenzione del rettore  che ha promesso di adoperarsi per trovare una soluzione il prima possibile”.

CONSIGLIO REGIONALE. Gli studenti sono anche stati promotori nelle scorse settimane di un’interrogazione a risposta immediata al consiglio regionale: “Vogliamo sapere quali attività intenda intraprendere o abbia eventualmente già intrapreso la giunta regionale al fine di verificare se gli interventi programmati o già posti in essere dall’Esu di Padova siano congruenti con quanto previsto dalla Legge regionale 7 aprile 1998, n. 8, con riferimento alla effettiva e compiuta attuazione del diritto allo studio tramite interventi di istituzione e gestione di strutture adibite al servizio di ristorazione". La giunta dovrebbe rispondere dopo la pausa estiva.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura mensa San Francesco, studenti presentano interrogazione in Regione

PadovaOggi è in caricamento